Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
ANTOLOGIA PROUSTIANA 2019: UNA NOTTE MAGICA | partecipa
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie"
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 51 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Thu May 23 03:18:38 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

La Delusione

di Carlo Rossi
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 15/04/2019 11:04:13

La delusione

 

Vorrei levigare la tua delusione

Sino a farla sopraffare dalla forza dell’onda

E per questo prego i signori

Che governano le acque

Dispensando la giusta benedizione

Per soccorrere il sofferente in Dio,

Per la limpidezza del nostro esserci

Ancora .

Insieme a quest’onda  la regina dei mari,

Per difenderci dalla delusione

Che non vuole togliere le impurità

Rimastre dentro,

Mentre penso tanto al futuro,

Bloccato nelle mie umane incapacità

Di comprendere la tua delusione, sino in fondo.

E per questo ti chiedo scusa.

Ma quando sarà tutto al suo posto,

Prego di ritrovare in noi

La forza di cancellare questo debito

Che porto con te.

E ogni giorno mi rendo conto

Che sto invecchiando, lasciando andare alla terra

Foglie secche, fiori, rami secchi, tutto quello che più non serve.

E’ un dono alla madre, tutti i pesi

Che stiamo portando, li potremo donare alla madre

E farli diventare germogli. Vorrei diventare nuovo seme.

Per un nuovo noi.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Carlo Rossi, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: E poi si accende la gioia (Pubblicato il 15/05/2019 16:57:08 - visite: 27) »

:: Di luna calante (Pubblicato il 08/05/2019 12:59:58 - visite: 23) »

:: Ombra sulla luna (Pubblicato il 02/05/2019 09:05:22 - visite: 37) »

:: Sei la mia piccola goccia (Pubblicato il 26/04/2019 13:33:26 - visite: 28) »

:: La croce di fuoco (Pubblicato il 17/04/2019 09:25:46 - visite: 50) »

:: E’ sufficiente (Pubblicato il 11/04/2019 10:24:06 - visite: 56) »

:: Tra vecchio e nuovo (Pubblicato il 03/04/2019 15:20:12 - visite: 73) »

:: Infinito silenzioso (Pubblicato il 19/03/2019 16:44:32 - visite: 72) »

:: Primavera (Pubblicato il 15/03/2019 12:15:29 - visite: 81) »

:: Pescatori di Lavarelli (Pubblicato il 08/03/2019 12:52:15 - visite: 71) »