Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
ANTOLOGIA PROUSTIANA 2019: UNA NOTTE MAGICA | partecipa
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie"
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 68 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Fri May 24 02:05:20 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Fotografia di un momento

di Davide Stocovaz
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 20/04/2019 12:13:01

Ci sono momenti

che sono fotografie,

destinate a rimanere indelebili

in future memorie.

Come la tua figura,

seduta sul grande molo,

vicina, al mio fianco.

Il sole ti lambiva la pelle,

la faceva risplendere

in un misto tra oro e avorio.

I suoi raggi si rincorrevano

in riflessi accecanti tra i tuoi capelli.

Come lì in fondo,

dove il cielo si tuffava nel mare,

io mi tuffavo nella tua voce vellutata,

soffio tenero per il mio udito.

Come quei gabbiani, laggiù tra le onde,

si facevano cullare dalla marea,

io mi cullavo nel brillare del tuo sguardo,

nei tuoi occhi inebrianti,

gemme preziose per la mia vista.

Quando il sole scivolò nel mare,

infuocando l’orizzonte,

come sipario che scende sulla scena,

sentii la mente farsi di colpo leggera

e l’anima in pace,

come di rado riesce a essere,

perché tu sei uno spettacolo senza fine

e ogni momento o istante vissuto con te

è viva fotografia, impressa nel cuore.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Davide Stocovaz, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Affascinante Sconosciuta (Pubblicato il 10/05/2019 10:33:16 - visite: 27) »

:: Gli occhi vanno da te (Pubblicato il 09/05/2019 16:29:48 - visite: 29) »

:: Splendore (Pubblicato il 07/05/2019 13:09:19 - visite: 34) »

:: Lasciarti andare... (Pubblicato il 25/04/2019 18:01:11 - visite: 51) »

:: Quando ti penso (Pubblicato il 18/04/2019 09:11:32 - visite: 71) »

:: Amica mia (Pubblicato il 25/03/2019 23:51:33 - visite: 134) »

:: Certi giorni (Pubblicato il 25/03/2019 22:35:16 - visite: 58) »

:: Preghiera (Pubblicato il 23/03/2019 14:33:45 - visite: 87) »

:: Miraggio di una notte (Pubblicato il 19/03/2019 15:48:08 - visite: 77) »

:: Sono ombra (Pubblicato il 17/01/2019 21:48:31 - visite: 130) »