Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
ANTOLOGIA PROUSTIANA 2019: UNA NOTTE MAGICA | partecipa
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie"
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 66 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Thu May 23 20:03:59 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Prestigio di gioco

di Adielle
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 21/04/2019 02:59:47

 

 

La Madonna di Dio, 

tu che fosti la vita mia,

il sangue del mio sangue

fin nei sepolcri del cuore,

trafitto d'assedio, nei sotterranei medesimi

dove per caso c'incontrammo, durante la terza guerra mondiale,

sull'eterno pianeta che ci vide batteri e squame

agli esordi della trap, ti prego,

non mi abbandonare, tirami fuori di qua.

Tu che conosci il moto e la direzione,

la processione degli eventi fino al punto che m'illudi

che anche fuggire abbia un senso d'infinito, da farsi perdonare.

Come ho potuto credere che non fossi una mia invenzione?

Perchè non parli? Lasciami stare.

In un'altra dimensione, dove possa guardarti

senza che sentire il bisogno di toccare mi faccia ardere.

Le tue mani, le tue anime, la versione dei fatti.

Ma la febbrile astinenza

non nutre profumi di camboge catarifrangenti?

O di vespai cosmopavonici? Pensieri del mio ego ed alterchi,

reticenti propositi di buona condotta e frastuoni

di temporali intercalati nei monologhi al vento d'estate,

se non una vera e propria redenzione

da praticarsi tutti i giorni, ore pasti,

previa accettazione dei peccati, per peccarsi, per peccare.

Controindicazioni?  Per devozione:

rassegnarsi ad essere una versione di sè stessi poco attraente

per peccato originale, per istinto di conservazione,

per pigrizia esistenziale, che poi è un partito preso:

non voglio fare un cappio

delle mie dita, delle mie corde vocali.

Del mio solfeggio maestro, voce nel coro dei vinti.

Con ossequio nei confronti della materia

bestemmio il padreterno, escapolo, sperando che sia femmina.

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Adielle, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Una giornata di mare (Pubblicato il 18/05/2019 18:05:33 - visite: 35) »

:: Confidenze (Pubblicato il 14/05/2019 01:17:27 - visite: 32) »

:: Cieli d’ordinanza (Pubblicato il 12/05/2019 22:17:06 - visite: 31) »

:: Prototipo Permanente Naif (Pubblicato il 12/05/2019 03:25:23 - visite: 24) »

:: In pegno (Pubblicato il 10/05/2019 00:51:42 - visite: 27) »

:: La triangolazione del quadrato (Pubblicato il 07/05/2019 00:31:54 - visite: 46) »

:: Sotto la gonna (Pubblicato il 06/05/2019 00:30:51 - visite: 50) »

:: Tarantelle (Pubblicato il 05/05/2019 02:24:35 - visite: 28) »

:: Macchinazione (Pubblicato il 02/05/2019 01:53:30 - visite: 34) »

:: Dall’addio (Pubblicato il 01/05/2019 02:17:47 - visite: 40) »