Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
ANTOLOGIA PROUSTIANA 2019: UNA NOTTE MAGICA | partecipa
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie"
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 57 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Mon May 27 08:37:30 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Tell me, do you remember?

di Giovanni Rossato
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 4 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 22/04/2019 22:58:00

 

 

Dal suono dell’alba

al vuoto del tramonto

ottuso

il giorno

se sguazzare non fosse

non fosse

la disposizione elementare

se

non ricevessimo ordini

da ogni papilla dell’universo

se

si potesse davvero

dimenticare

l’imprinting fondamentale

disatteso

con la colpa

del primo amore

giocare a carte

senza numeri e colori

un dorso che non tradisce

nessun domani

la ferocia del nido e la necessità

senza probabilità

senza un luogo delle illusioni

l’idrocoltura delle aspirazioni più alte

steli senza sostanza

uteri artificiali in corsia.

 

Ginuflessi, ginuflessi

sopra un comodo cuscino

piegati sotto il peso della storia

agitati dal vento dei campi magnetici

i cieli stellati sopra di noi

e le mucche nere nella notte senza luna,

indiscutibilmente

la legge è cieca,

 

servire il proprio padrone.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 4 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Giovanni Rossato, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Guidare a occhi chiusi (Pubblicato il 24/05/2019 22:34:16 - visite: 20) »

:: Ok, io sto arrivando (Parresia) (Pubblicato il 22/05/2019 22:18:10 - visite: 17) »

:: Stampata in faccia (Pubblicato il 21/05/2019 22:13:45 - visite: 29) »

:: Tempo inabitato (Pubblicato il 15/05/2019 22:25:04 - visite: 44) »

:: Cos’è questo pararsi innanzi? (Pubblicato il 10/05/2019 13:19:42 - visite: 31) »

:: L’ansia non ho più (Pubblicato il 05/05/2019 22:15:50 - visite: 43) »

:: Definizione (Pubblicato il 01/05/2019 16:18:21 - visite: 41) »

:: It’s raining again/It isn’t raining jet (Pubblicato il 30/04/2019 17:56:42 - visite: 37) »

:: Shakerare il caffè non è la risposta giusta (Pubblicato il 28/04/2019 10:39:59 - visite: 30) »

:: Di me non dicono niente (Pubblicato il 19/04/2019 19:18:06 - visite: 52) »