Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
ANTOLOGIA PROUSTIANA 2019: UNA NOTTE MAGICA | partecipa
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie"
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 27 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sat May 25 09:42:08 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Come da bambini

di Filippo Di Lella
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 25/04/2019 17:49:39

Occhi vuoti da strada,
polvere sui piedi,
chi vuol essere un pirata?

C'hai il culo al freddo,
scarpe rotte
e calzini fradici;
dove sono i giorni felici?

C'hanno rubato il tempo,
il cielo
e gli astri eran già finiti;
han fatto palazzi a-a-alti.

Così sia,
tiranno ventricolare,
hanno fatto il vuoto,
la chiamano umanità;
hanno appeso manifesti,
dovevan penzolare loro
e tu,
atrii e vene blu,
l'hai lasciato essere.

Ti ricordi quella birra al parco?
C'era il sole,
un battito di vento
e piccoli capezzoli rosa...
Era anni fa!
Ma lo sputo che ti parlava allora,
catrame nero scivolato giù
dal mento,
tossisce ancora
e ancora non riposa.

Scaraventato
con occhi vuoti da strada,
cerchi nella testa
un'ellittica di fuoco
e tieni il culo al freddo.

Vuoi essere un pirata?

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Filippo Di Lella, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Le donne innamorate (Pubblicato il 20/05/2019 23:31:51 - visite: 25) »

:: Di amanti nel vento (Pubblicato il 12/05/2019 15:15:18 - visite: 43) »

:: Mia moglie (Pubblicato il 08/05/2019 10:21:16 - visite: 25) »

:: Ode al barbone scemo (Pubblicato il 06/04/2019 19:02:43 - visite: 59) »

:: Banchetto d’ossa (Pubblicato il 31/03/2019 18:05:30 - visite: 55) »

:: Smettere il cuore (Pubblicato il 30/03/2019 16:45:14 - visite: 59) »

:: Non me l’aspettavo (Pubblicato il 28/02/2019 21:49:40 - visite: 66) »

:: Questa non è un’ode (Pubblicato il 27/02/2019 12:00:04 - visite: 75) »

:: Un inutile poemetto (Pubblicato il 15/02/2019 22:02:26 - visite: 91) »

:: Sembrerebbe (Pubblicato il 11/02/2019 15:01:47 - visite: 68) »