Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
Una notte magica: Presentazione il 22 settembre 2019
alle ore 17 presso il Villaggio Cultura – Pentatonic
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 78 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sun Sep 22 09:35:58 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Abbasso la metrica e la rima!

di Lorenzo Tosco
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 08/05/2019 08:44:04

Hanno troppa ragione quei poeti
nostri grandi maestri e correttori
a dire che la metrica e la rima
ingabbiano il pensiero e la poesia.

Infatti che valore ha scriver verso
in metrica ed in rima, che disastro,
occorre un nuovo metodo diverso ...
sol così di poesia si vede l’astro!

Dante ed i sommi in era pur lontana
scrissero versi alquanto accomodati
ed ebbero successo, che fortuna,
ma troppo invero son considerati.

Tanto stupendo, lo dobbiamo dire
è scrivere un pensiero adesso in prosa
che poi provvederemo a spezzettare
andando a capo, e assai verrà allungato.

La poesia in tal caso molto vale
ed è gustata dagli intenditori,
basta Ungaretti, e poi segua Montale,
ma certi imitatori ...stiano fuori!

Che dire di quel genere orientale
che riempie ogni sito di poesia
e che in lirica certo è eccezionale,
attualmente il più grande che vi sia.

Domina specialmente qui da noi
che ben poco copiamo allo straniero,
ma questa volta il giapponese puoi
vedere superato per davvero!

Il fatto è che costa assai fatica
scrivere in cinque sillabe due versi
intervallati, e farlo è grande impresa,
da un verso addirittura settenario!

Visti gli esempi assai meravigliosi
di poesia senza metrica né rima
ch’è lo sforzo di chi non la sa fare
abbandoniamo questo antico stile

e proponiamo al prossimo avvenire
una novella forma di poesia
per chi ad ogni costo vuol riuscire
molto sfruttando il fisico e la mente.

Si ponga del poeta nell’assetto
sentendosi per tale sforzo stanco,
scriva soltanto il titolo in grassetto
e il susseguente lasci pure in bianco!

NB. Una strimpellata ironica (credo) in endecasillabi in parte rimati e in parte no, ma sempre all'insegna della musicalità. La rima assieme alle sillabe (decasillabi, endecasillabi, senari, ottonari o altro) rende una musicalità che non sono in grado di dare poeti improvvisati che spezzettano una pessima prosa. Inoltre la musicalità del verso la si deve sentire nell'intimo, senza ricorrere a quel forzato rimare secondo studi imparati dai libri (es: iato, sinafele, sillabe tronche, enjambement etc.), mentre la sanno dare, essenziale alla poesia, tanti bravi noti ermetici.
La rima ordinata è sempre criticata da tutti quegli improvvisati poeti che non la sanno esercitare malgrado lo vorrebbero, e quindi la criticano e si lasciano andare a certi orrori spezzettando una prosa a piacere. Non costa sforzo intellettuale e fatica, scrivere in rima si! E se ne vedono gli effetti ...


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Lorenzo Tosco, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia pe la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Lorenzo Tosco, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Pensieri Settembrini (Pubblicato il 16/09/2019 09:38:51 - visite: 24) »

:: Canto silenzioso (Pubblicato il 09/09/2019 10:39:58 - visite: 47) »

:: Il vento della sera (Pubblicato il 03/09/2019 10:40:28 - visite: 64) »

:: Serale di fine agosto a Firenze (Pubblicato il 27/08/2019 17:58:52 - visite: 48) »

:: Per un viottolo di campagna (Pubblicato il 21/08/2019 10:18:57 - visite: 59) »

:: Sonetto più quartine (Pubblicato il 07/08/2019 11:29:36 - visite: 50) »

:: Senza spazio per volare (Pubblicato il 29/06/2019 22:33:44 - visite: 79) »

:: Ama il prossimo tuo (Pubblicato il 28/06/2019 10:53:57 - visite: 77) »

:: La luce nel bosco (Pubblicato il 24/06/2019 10:33:56 - visite: 136) »

:: Carezze (Pubblicato il 18/06/2019 08:50:30 - visite: 88) »