Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
ANTOLOGIA PROUSTIANA 2019: UNA NOTTE MAGICA | partecipa
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie"
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 39 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Tue Jun 18 15:48:31 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Di luna calante

di Carlo Rossi
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 08/05/2019 12:59:58

Di luna calante

 

Addormentata sulla luna come in un letto,

Calante altalena di sogni passeggeri

Di chi non ha parenti, come me,

E ti vede così in alto

Da perdermi come l’Orlando

Alla ricerca dell’incontro con la tua

Mano.

Solo il pensiero si fa ferita, di non incontrarti

In questo viaggio.

Luna pungente che appari dopo la burrasca

Mentre il mio lago piange le tue onde

Devastante forza a memoria del tuo sacro

Raccolgo frammenti di forza ancora vivi

Che spingono il verde delle colline

E un nuovo mare

Dove siede il mio animo

Ancora trasognato nel verde dei campi

Che circondano la nostra casa.

E non è colpa del lago ma della tua forza di luna,

Se anche il mio animo s’assopisce in un ricordo

Che il denaro non corrode.

Io ti darei anche quello che non ho

Per correre con la tua mano tra le verdi onde

Di queste colline incantate

Dove la luna calante ammonisce

Il nostro delirante progresso.

Indovina chi viene a casa felice dalla collina,

Giovinezza scende e mi aiuta a guarire


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Carlo Rossi, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Come acqua le tue parole (Pubblicato il 30/05/2019 08:44:36 - visite: 27) »

:: E poi si accende la gioia (Pubblicato il 15/05/2019 16:57:08 - visite: 48) »

:: Ombra sulla luna (Pubblicato il 02/05/2019 09:05:22 - visite: 57) »

:: Sei la mia piccola goccia (Pubblicato il 26/04/2019 13:33:26 - visite: 37) »

:: La croce di fuoco (Pubblicato il 17/04/2019 09:25:46 - visite: 63) »

:: La Delusione (Pubblicato il 15/04/2019 11:04:13 - visite: 68) »

:: E’ sufficiente (Pubblicato il 11/04/2019 10:24:06 - visite: 73) »

:: Tra vecchio e nuovo (Pubblicato il 03/04/2019 15:20:12 - visite: 96) »

:: Infinito silenzioso (Pubblicato il 19/03/2019 16:44:32 - visite: 87) »

:: Primavera (Pubblicato il 15/03/2019 12:15:29 - visite: 94) »