Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
ANTOLOGIA PROUSTIANA 2019: UNA NOTTE MAGICA | partecipa
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie"
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 22 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Tue Jun 18 14:19:42 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

La danza gialla delle foglie

di Marco Galvagni
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 26/05/2019 15:55:03

Ascolto le note musicali della tua voce

venuta dalla terra per salire al cielo,

spio i tuoi occhi d’ambra:

ecco la tenerezza di sguardo di seta,

la tua bocca, parola senza eco.

Avverto salire a tentoni il muschio della tua pena.

 

E’ la guerra oscura del cuore

la lama spezzata di angosce commosse

l’ebbrezza dei desideri.

E’ questo la mia vita:

l’acqua che le tue iridi nere mi recano,

il concerto di voce dei tuoi sottili pensieri.

 

Ah, coppa, ruscello, mia agile compagna.

Scorgo le coppe nella danza gialla delle foglie.

Ti giunge ululando il vento

nell’ora del sangue fermentato

quando la terra palpitando vibra

sotto il pallore del sole che la riga con code d’ombra.

 

Eccola, la tua forma familiare,

ciò che m’inonda

che mi empie l’anima in abbandono,

la tenerezza che s’avvolge alle mie radici:

matura in una carovana di frutta

uscendo dal tuo cuore come il vino dal centro dell’uva.

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Marco Galvagni, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: La luce di quest’aurora (Pubblicato il 09/06/2019 20:48:30 - visite: 10) »

:: Il mondo da una mongolfiera (Pubblicato il 06/06/2019 19:52:12 - visite: 10) »

:: La danza gialla delle foglie (Pubblicato il 28/05/2019 20:47:53 - visite: 28) »

:: Onda di marea (Pubblicato il 22/05/2019 20:03:18 - visite: 28) »

:: Spirito puro ma guerriero (Pubblicato il 18/05/2019 16:06:37 - visite: 24) »

:: Ho mani per volare (Pubblicato il 17/05/2019 15:39:39 - visite: 32) »

:: Un albero di luna (Pubblicato il 15/05/2019 14:13:28 - visite: 36) »

:: L’orgoglio dei vivi (Pubblicato il 12/12/2018 15:50:17 - visite: 115) »

:: L’arcobaleno (Pubblicato il 23/11/2018 15:15:04 - visite: 95) »

:: Il pescatore (Pubblicato il 22/11/2018 15:57:33 - visite: 113) »