Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
Una notte magica: Presentazione il 22 settembre 2019
alle ore 17 presso il Villaggio Cultura – Pentatonic
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 284 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sun Sep 15 10:59:35 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Disguidi spaziotemporali per il Bois de Boulogne

di Roberto Maggiani
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 9 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 14/07/2019 09:35:00

 

 

Metrica generale del ponte di Einstein-Rosen attraversabile

 

 

*

 

Chi non capisce almeno sorrida

R. M.

 

*

 

[ Le parti in corsivo sono tratte da Alla ricerca del tempo perduto, M. Proust, I Meridiani Mondadori (trad. G. Raboni) ]

 

Mentre dormivo non avevo smesso di riflettere sulle cose che poco prima stavo leggendo, ma le riflessioni avevano preso una piega un po’ particolare; mi sembrava di navigare in universi paralleli e tutti gli amici cercavano di raggiungermi saltando da uno all’altro, in tali passaggi mutavano di aspetto e non sapevo se e dove li avrei re-incontrati. Questa convinzione sopravviveva per qualche secondo al mio risveglio; non scombussolava la mia ragione, ma premeva come un guscio sopra i miei occhi impedendogli di rendersi conto che la candela non era più accesa. Poi cominciava a diventarmi incomprensibile, come i pensieri di un’esistenza anteriore dopo la metempsicosi; la realtà si staccava da me, ero libero di pensarci o non pensarci; immediatamente recuperavo la vista e mi sbalordiva trovarmi circondato da un’oscurità che era dolce e riposante per i miei occhi ma più ancora, forse, per la mia mente, alla quale essa appariva come una cosa immotivata, inspiegabile, come qualcosa di veramente oscuro.

 

Alla prima curvatura salto nel tuo universo

e arrivo all’appuntamento

ma non ci sperare troppo

potrei perdermi nel mare tensoriale.

 

Ecco fatto: già dubiti! Vi prego signori

un po’ di fiducia nelle equazioni di campo.

 

A causa di un tempuscolo planckogeno

ed esitante è tutto rimandato.

È bastato un rallentamento del reale

nel cosmo scalare per finire nello spazio di Hilbert

tra le emicranie di Madame Verdurin –

aggravate da quando non ha più croissants

da inzuppare nel caffellatte.

Ora – o dopo o prima – ci vorrebbe la lattaia!

 

Ma va bene. Attendi l’arrivo di altre curvature:

ci vediamo nel prossimo spazio di Hausdorff.

Ricorda il mio nome –

anche se potrebbe cambiare: è Marcel.

 

Spero che riusciremo a incontrarci –

non so se il tensore energia-impulso

(tuoni e fulmini – in poche parole)

a mezzanotte al Bois de Boulogne

sarà sufficiente a realizzare

attorno a ogni dove una sfera

di raggio così piccolo

tale che dato un altro dove (una margherita un insetto)

questo non sia incluso nell’intorno del precedente

e l’assioma di separazione possa essere realizzato –

così da far convergere l’essenza dei nostri corpi

in quel benedetto gazebo senza che tutto si compatti

nell’indistinguibile nulla delle menti ignoranti

che camminano per le strade pensando solo alla loro paura.

 

A tutti quanti: non dimenticate la lettera d’invito –

solo così potrò riconoscervi

se i vostri corpi non vi somiglieranno più.

Non so in quale modo il tensore metrico

potrà incurvare il vostro spirito

con tutta l’abbondanza gravitazionale

che avrete sotto i piedi: potrei pensare Andrée

laddove invece vedo e ascolto Swann – sarebbe imbarazzante.

D’altronde una struttura differenziale potrebbe permetterlo.

 

Se nel temporale ci sarà una varietà riemanniana o meno

ora non ci è dato saperlo. L’assunto è questo

e vi prego di rispettarlo: la tua realtà non è la mia –

poi fate quello che vi pare – ma siate diversi

l’uno dall’altro: scegliete una parola

un canto – qualcosa che mi ricordi di voi.

L’ascensorista di Balbec – se viene – non scelga “ascensore”

perché tra quelli di Einstein e i suoi non c’è molta differenza –

siccome qui è tutto sballato non vorrei confondermi.

 

E se il latte questa volta me lo allungassi

al passaggio del mio sistema inerziale?

(Sarebbe corroborante saperti lì ad attendermi).

Il rischio è che si sparga tra un universo e l’altro

qualora tu rimanga nel presente e io nel passato.

Quando guardo la Via Lattea sono

geloso perché so che l’hai già fatto –

almeno sapresti dirmi se con un altro me-parallelo

in una connessione affine?

Non importa. Ti avviso: c’è un’altra ragazza

che trama alle tue spalle nell’altro universo

(ma potrebbe avere un pene enorme).

Mettervi insieme è un serio problema tensoriale

di rango extra-large.

 

Ho nostalgia di Bloch – dei suoi dissidi

(chissà se fu un caso che mi fu amico

ma non compagno) e delle interminabili

carezze di Gilberte – imparate dalla madre

quando la vide affacciandosi alla finestra spazio-temporale

apertasi sulle derivate covarianti del tensore di Ricci.

 

Ma se n’è andata anche lei come Albertine

e ora ho una ragazza povera sulle ginocchia

mentre l’intera famiglia sta per arrivare –

è già dopo la curva ennesima della prossima strambata.

 

Applicato all’operatore di Laplace-Beltrami

c’è il Commissario: Diamine non si fanno approcci così bruschi.

Siamo in convergenza sappilo:

Tutti i passanti mi parvero ispettori incaricati

di spiare i miei movimenti e i miei gesti.

 

Ho chiesto ad Aimé di portarmi un gelato

con lampone e vaniglia sia chiaro –

che magia la vacanza a Balbec.

Lui – Aimé – sapeva tutto di tutti:

saliva sull’ascensore della quarta dimensione

fino all’attico del tempo e da lì vedeva ogni cosa

anche se pareva ferma ed eterna.

Ora so che c’era un’identità di Bianchi

proprio dietro lo zio Adolphe

scomodo come un tacco a spillo sul piede

con quel quadretto della dama in rosa

che onestamente vedevo viola

perché mi ci stavo allontanando di gran fretta

piegato a metà: testa e piedi nel successivo universo

cuore nel precedente. Soffocavo di rabbia.

Per questo Odette non l’ho invitata

non vorrei essere sgridato da mia madre

anche se adesso sono adulto e di cocotte ne ho assaggiate –

tutte invarianti sotto trasformazioni di coordinate.

 

Per quanto riguarda Albertine si può dire

che esistesse in me solo nella forma del suo nome.

Ma Saint-Loup – oh – il mio Robert…

Da quando s’era messo in viaggio –

in una tonalità quasi gioiosa

su tutti i treni d’onda vedevo solo lui.

Nell’universo XZ ha saltato tutti i pianeti

per salvarmi dal freddo cosmico –

nel B5 l’ho amato senza toccarlo

nel C70 alla fine non ce l’ho fatta: ci sono andato a letto

nel limite newtoniano

usufruendo della dilatazione dei tempi

a causa della Luna o forse di un Buco nero –

non saprei distinguere i due eccessi.

Ad ogni modo eccomi qua –

assuefatto alle leggi del caso sono arrivato

al Bois de Boulogne assurdo e imballato –

e voi anche miei cari. Siete saltati giù a caso

ascoltando la mia voce

o siete usciti dal non so dove della mia penna?

 

Vabbè. Non fa niente – l’importante è che siete qui

trasformati come tensori di rango k –

 

ma sempre voi siete – vi riconosco

perché il vostro cuore è covariante

e per averlo nelle nuove coordinate

basta averlo conosciuto nelle vecchie.

 

Manca solo lei – la lattaia: sta indugiando

tra le coordinate armoniche

al numero 102 di Boulevard Haussmann –

intanto accendo la candela prima che torni il temporale.

 

Oh! Tu chi sei? Hai l’invito?

Il temporale… devo svegliarmi.

 

A quel punto il ricordo – non ancora del luogo dove mi trovavo, ma di alcuni dei luoghi dove avevo abitato e avrei potuto essere – veniva a me come un soccorso dall’alto per strapparmi dal nulla al quale da solo non sarei riuscito a sfuggire; in un secondo scavalcavo secoli di civiltà e le immagini, confusamente intraviste, di qualche lampada a petrolio, poi di alcune camicie col collo piegato, ricomponevano a poco a poco i tratti originali del mio io.

 

E prima ancora che il mio pensiero, esitante sulla soglia dei tempi e delle forme, identificasse la casa mettendo una accanto all’altra le circostanze, lui – il mio corpo – ricordava per ciascuna di esse il tipo di letto, la collocazione delle porte, l’esposizione delle finestre, l’esistenza di un corridoio, e in più le cose che avevo pensate addormentandomi e ritrovate al risveglio.

 

Certo, adesso ero ben sveglio, il mio corpo aveva compiuto un’ultima giravolta e il buon angelo della certezza aveva fermato ogni cosa intorno a me, mi aveva sistemato sotto le mie coperte, nella mia camera, e aveva messo più o meno al loro posto, nell’oscurità, il mio cassettone, il mio scrittoio, il mio caminetto, la finestra verso strada e le due porte.

 

Ma tra me e il soffitto c’erano ancora le tracce di un’anomalia: una scintilla svaporava, sembrava la luce di un ultimo lampo molto lontano, lasciandomi l’impressione che quella appena passata fosse stata una notte magica.

 

 

 

[ Poesia pubblicata nell'antologia proustiana 2019: Una notte magica, Aa. Vv., LaRecherche.it ]

 

 

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 9 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Roberto Maggiani, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia pe la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Roberto Maggiani, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Minutaglie^ (Pubblicato il 06/09/2019 18:32:26 - visite: 118) »

:: Rivisitazione matematica di “L’infinito” di Giacomo Leopardi (Pubblicato il 22/06/2019 16:16:03 - visite: 253) »

:: Proprio ora che (Pubblicato il 18/04/2019 12:06:04 - visite: 229) »

:: Uomo (Pubblicato il 23/03/2019 17:32:09 - visite: 199) »

:: Relax ad Auschwitz #GiornoMemoria (Pubblicato il 22/01/2019 16:58:06 - visite: 444) »

:: Ogni notte è santa (Pubblicato il 23/12/2018 17:45:12 - visite: 213) »

:: Natale... non laggiù tra le folle (Pubblicato il 22/12/2018 18:35:06 - visite: 185) »

:: Copertura e distorsione (Pubblicato il 01/11/2018 12:15:24 - visite: 197) »

:: Senza limiti o scadenze (Pubblicato il 31/10/2018 16:19:35 - visite: 289) »

:: Vita estrema (Pubblicato il 21/10/2018 11:53:10 - visite: 329) »