Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Arte e scienza: quale rapporto? [L’arte e la scienza in 72 autori | e-book n. 239]
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 97 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Wed Feb 26 23:13:15 UTC+0100 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Sul tavolino c’è il chiaro di luna

di Rita Stanzione
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 26/07/2019 08:47:47

 

Sto sveglia sulla lontananza
- è lampante: che poi ritorna 
al posto che occupava sempre

qualcosa di speciale 
qualcosa di normale
presenza volto odore

la chiara scrittura del quotidiano
malauguratamente 
come palla di carta
messa a tacere nel cestino

C’è il poster di cento anni 
ha la faccia del sole 
e un sasso da lanciare al mare
la grande sfida alla gravità
e subito l’abbraccio, dove
specchiare gioie di fragili cristalli

Sono vecchia – ho cento anni
germogli da poco nati sono legni 
le braccia hanno lasciato giri di collane

il collo è un orfano 
è la gruccia senza camicia

come sarebbe facile se fossi te
(darmi la mano quando esci dallo sguardo)


Poesia edita in "Canti di carta" © Fara Editore 2017


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Rita Stanzione, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Rita Stanzione, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Piano le gocce e noi (Pubblicato il 25/02/2020 18:02:11 - visite: 19) »

:: Hai voglia che sia pura (Pubblicato il 22/02/2020 23:49:38 - visite: 41) »

:: Certe discese e risalite (Pubblicato il 20/02/2020 23:52:46 - visite: 25) »

:: Una grazia d’inesistenza (Pubblicato il 17/02/2020 19:25:12 - visite: 24) »

:: Estetica per il neurone (Pubblicato il 16/02/2020 10:07:18 - visite: 29) »

:: Agape (Pubblicato il 15/02/2020 20:36:10 - visite: 35) »

:: Nord del sole (Pubblicato il 14/02/2020 12:50:48 - visite: 31) »

:: Dove hai portato i tulipani? (a Sylvia Plath) (Pubblicato il 11/02/2020 22:43:42 - visite: 40) »

:: 2 febbraio 2016 (Pubblicato il 02/02/2020 17:42:53 - visite: 46) »

:: 2 febbraio 2011 (Pubblicato il 01/02/2020 17:53:55 - visite: 55) »