Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia Arte e Scienza: quale rapporto? (invia il tuo contributo entro il 15 gennaio 2020) Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 54 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Thu Oct 17 09:57:46 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Finestre di notte

di Fabrizio Bregoli
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 19/09/2019 12:12:06

Vi offriamo l’indigenza dei dettagli:

un bianco impenitente di pareti

scorci di letti, moquette, caloriferi

un rogo indifeso di lampade

l’azzurro innaturale delle tende.

E noi sempre di spalle,

ritagli della vita che impudica

ci frana sull’asfittico dei volti,

sull’inerte delle mani.

Puoi chiamarla esistenza

il barbaglio che svasa

dal chiostro tutelare delle stanze,

da queste fenditure imbelli, nicchie

protese nella notte, quasi stelle

sacrileghe, ulcerazioni di luce.

Siamo le loro incrinature incongrue

lo scompiglio di scoprirci uomini,

soltanto noi e l’istante: stigma scritto

nella meridiana del nero,

cartiglio di buio che ha inciso

quest’opaco durare del mondo.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Fabrizio Bregoli, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia pe la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Fabrizio Bregoli, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Esuli (Pubblicato il 06/03/2016 13:56:37 - visite: 541) »

:: Oggi nasci (Pubblicato il 06/03/2016 13:55:40 - visite: 353) »

:: La sera (Pubblicato il 06/03/2016 13:55:12 - visite: 459) »

:: La torta di Stalin (Pubblicato il 06/03/2016 13:54:42 - visite: 355) »

:: L’estate di Mondello (Pubblicato il 06/03/2016 13:53:45 - visite: 292) »

:: Le vecchie di Sofia (Pubblicato il 06/03/2016 13:53:24 - visite: 379) »

:: Un altro mattino (Pubblicato il 06/03/2016 13:52:39 - visite: 401) »

:: Religione domestica (Pubblicato il 06/03/2016 13:52:12 - visite: 309) »

:: Mazinga e l’Uomo Ragno (Pubblicato il 06/03/2016 13:51:38 - visite: 349) »

:: Storie di pianura (Pubblicato il 06/03/2016 13:50:59 - visite: 504) »