Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
27 gennaio 2020: #GiornoMemoria | Viaggio senza ritorno
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 139 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sun Jan 26 01:49:15 UTC+0100 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Il vecchio senti mento ancora

di Robert Wasp Pirsig
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 17/11/2019 17:41:48

 

Che chiedere all’amore maturo?

Torna sui tuoi passi al punto in cui 

non lasciavi orme; le pedate erano

a mezza aria sullo sterno ottuso.
L’amore è più largo di tutte le bocche

che incontra. Marquez racconta 

che in un angolo del mondo accade

all’improvviso per una volta.

E non è piatto, e per niente infinito. 

In questo angolo tu non vieni più. 

Hai fatto posto ad altro e quindi 

posso trattenerti soltanto lo stretto

necessario nel sogno e nel bicchiere. 

Nel tempo come momento sottratto

c’è l’ultimo bacio con la luna storta. 

Mio desiderio deluso, che ti aspetti?

Devo alla profondità della solitudine 

la mancata chiaroveggenza del vertice 

che impone di sporgersi sul precipizio

per sapere il punto dov’è: è dove tu manchi 

ed io suppongo viva un certo me 

che perde luce.

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Robert Wasp Pirsig, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Robert Wasp Pirsig, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Non mi toccano altre terre (Pubblicato il 30/11/2019 12:29:00 - visite: 99) »

:: Prima di saperlo (Pubblicato il 25/11/2019 15:04:20 - visite: 82) »

:: Per parlarti ad ora (Pubblicato il 24/11/2019 10:16:18 - visite: 92) »

:: Come mostro in tempo (Pubblicato il 21/11/2019 21:07:06 - visite: 101) »

:: Da che parte il mai avuto (Pubblicato il 19/11/2019 11:37:24 - visite: 70) »

:: L’affondo (Pubblicato il 14/11/2019 09:11:03 - visite: 92) »

:: In nome e per conto di LUCA (Pubblicato il 28/10/2019 12:38:57 - visite: 119) »

:: In seguito al lontano (Pubblicato il 24/10/2019 09:23:41 - visite: 122) »

:: Paradigmi di autovalutazione (Pubblicato il 21/10/2019 10:43:42 - visite: 133) »

:: Esito nella passeggiata (Pubblicato il 17/10/2019 21:28:51 - visite: 87) »