Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
"Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
Intervista a Sara Galeotti, I classificata sezione B: Racconto breve
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 79 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Tue Apr 7 23:37:59 UTC+0200 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

2 febbraio 2011

di Rita Stanzione
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 5 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 01/02/2020 17:53:55


Sono ancora qui

com'ero ieri e nel lontano 
millenovecento e tante lune

Un anno dopo - potrei pensare 
addirittura che stia crescendo 
o che mi avvii alla decadenza
ma nell'immaginario personale
a me sembro la stessa 
di tante me stesse già vissute
per le vie che mi hanno attraversata

Vista da dentro sono
l'alba da cui presi il volo
con l'ego proiettato in grandi imprese

Meglio così e domani mi farò una ragione
del monologo semisconclusionato
regalatomi dall'ennesimo compleanno

Però che bizzarra idea 
compiere gli anni
quando l'opera intera non è compiuta
potrebbe trattarsi dell'immortalità 
saremmo banali a festeggiarci ogni anno 

E il tempo inafferrabile che se ne va,
m'accorgo adesso che non scorre:
siamo noi acqua di flussi inquieti
su un greto immobile,
e in maree profonde sfoceremo?
Sarà bene saper nuotare 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 5 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Rita Stanzione, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Rita Stanzione, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Alla finestra di Bonnard (Pubblicato il 09/04/2020 11:07:39 - visite: 15) »

:: Tropismi a mezza luce (Pubblicato il 07/04/2020 12:01:09 - visite: 19) »

:: Ventiduesimo giorno (Pubblicato il 31/03/2020 09:32:04 - visite: 33) »

:: 2 haiku sull’attesa (Pubblicato il 30/03/2020 11:36:48 - visite: 26) »

:: Giardino di marzo (Pubblicato il 25/03/2020 10:52:37 - visite: 56) »

:: Continua ad accadere (Pubblicato il 12/03/2020 12:27:30 - visite: 48) »

:: Ho baciato un’amica (Pubblicato il 09/03/2020 13:00:53 - visite: 55) »

:: Piano le gocce e noi (Pubblicato il 25/02/2020 18:02:11 - visite: 49) »

:: Hai voglia che sia pura (Pubblicato il 22/02/2020 23:49:38 - visite: 78) »

:: Certe discese e risalite (Pubblicato il 20/02/2020 23:52:46 - visite: 56) »