Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
"Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
Intervista a Sara Galeotti, I classificata sezione B: Racconto breve
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 53 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Wed Apr 1 22:35:55 UTC+0200 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

beata solitudo

di alessandro venuto
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 26/02/2020 16:16:17

Ma se di me 
Il dol solo conosco 
E me stesso me
Soltanto vedo, 
Non altri per come io sono, 
Non ridere ancora,
Dolcissima signora, 
Pria che il pensier
Volga a compimento;
Se ciascun di se‘ dicevo
Unico al mondo 
Il mistero sape
E il nome, 
Non labbra su cui pronunciarlo
Ne’ un petto morbido 
Sul quale piangersi,
Che resta allora? 
Menti concave e pensieri convessi
Scavano solchi su corpi complessi, 
Dimagra l’alma in tempi duri
Di uomini di paglia. 
Non io, Alike, 
Non noi finirem così 
Ma sull’afflato denso
Di un unico sospiro 
Ognun per se’
Ci troveremo insieme
Al di là di ciò che sembra
Per significare ciò che è. 
Bello, certo,
Ma non reale. 
A me poeta
Ascrea musa predisse
Illacrimata vita 
In solitudo. 
 
 
 


Inviato da Libero Mail per iOS


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore alessandro venuto, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

alessandro venuto, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Vanilla sky (Pubblicato il 07/04/2020 10:17:26 - visite: 6) »

:: Requiem (Pubblicato il 06/04/2020 00:13:20 - visite: 8) »

:: a Vincenzo Gemito (Pubblicato il 04/04/2020 23:10:43 - visite: 40) »

:: Allegro ma non troppo (Pubblicato il 04/04/2020 14:47:28 - visite: 14) »

:: Ebe (Pubblicato il 04/04/2020 02:15:05 - visite: 17) »

:: L’ulivo (Pubblicato il 03/04/2020 12:19:48 - visite: 24) »

:: Gli dei ci invidiano le risate dei bimbi (Pubblicato il 02/04/2020 23:05:07 - visite: 33) »

:: Medusa (Pubblicato il 02/04/2020 10:24:59 - visite: 29) »

:: Inno alla Gioia (Pubblicato il 02/04/2020 00:12:59 - visite: 23) »

:: Abbi cura di splendere (Pubblicato il 01/04/2020 20:42:38 - visite: 21) »