Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
ANTOLOGIA PROUSTIANA 2019: UNA NOTTE MAGICA | partecipa
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie"
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 861 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Thu May 23 20:36:30 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Ruscello e aridità

di Teresa Anna Biccai
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 03/05/2011 20:31:51

 


A voi, sopraffattori d’anime
Lei deve il giovamento di un attimo mai stato
Le mani confinate e le mancanze
Continue come nubi a piccole scadenze

Agnese occhi socchiusi, dai modi ereditari
Dov’è la tua coscienza, l’istinto che deborda
E sempre non conduce in fondo alla pietà
Per dirti che potresti liberare le braccia dietro al vento

Agnese gesto fermo, indefinita pace
Scandisci ogni tuo nome, le maschere non sanno
E a calco - dura argilla - non piangono per te
Che temi l’interezza, le viscere sul letto
E gli avi come forca  

Agnese che non mordi, azzanna la bontà
Ripudiala domani, smagrendo sotto il sole
La tua comparsa arresa, lontana dal respiro
Spontaneo quanto l’arte

A voi, soprafattori d’anime, lei deve la perfidia
La sete e l’ira in gabbia
Sopite fra le labbra, nei pomeriggi in cui tutto dipende
Persino l’imbrunire appeso al volto

Agnese grano e biada, padrona in sudditanza
Dimentica gli eletti, le statue convenienti
La gola dei presunti e tutte le virtù
Ferite in pasto a chi non  cura l’orizzonte
E a priori perde il vizio d’esistere domani

A voi, soprafattori d’anime
Lei deve l’attenzione precisa e indelicata.
In quale ricorrenza sarete possessori del suo tesoro incolto
Se chiuderà la vena che calda lo contempla

Agnese conseguenza, ruscello e aridità
Concediti l’orgoglio scontento di pagare
Poi sfida la tempesta armandoti le spalle
La vita non è mai pena fedele
Né cenere per sempre


 



« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Teresa Anna Biccai, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Il perdono di Giuda (Pubblicato il 05/03/2014 11:28:42 - visite: 745) »

:: Le attese dei rosari (Pubblicato il 24/12/2012 20:26:17 - visite: 1062) »

:: Paesaggi (Pubblicato il 19/11/2012 13:28:43 - visite: 750) »

:: Prima che i tuoi occhi (Pubblicato il 07/11/2012 01:53:43 - visite: 1261) »

:: Di tutte le difese (Pubblicato il 05/11/2012 13:16:13 - visite: 967) »

:: Precari come i pianti dei viandanti (Pubblicato il 18/06/2011 18:17:07 - visite: 880) »

:: Il timbro dei cipressi (Pubblicato il 07/06/2011 19:51:52 - visite: 1080) »

:: La quiete (Pubblicato il 29/05/2011 19:01:01 - visite: 874) »

:: Mia nausea la speranza (Pubblicato il 20/05/2011 00:10:28 - visite: 993) »

:: La fatica (Pubblicato il 16/05/2011 20:20:13 - visite: 929) »