Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
ANTOLOGIA PROUSTIANA 2019: UNA NOTTE MAGICA | partecipa
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie"
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 993 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Tue May 7 09:27:36 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Mia nausea la speranza

di Teresa Anna Biccai
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 20/05/2011 00:10:28

 

È il verso dell’essenza che frantuma
Questo andare fanciullo che scongiura le guerre
E tutte le risorse a strazio appena umane
Direzionate all’ombra, dove le maniere ignorano i lamenti.
Siamo prove assenti, manna regalata ai porci
in fila come lumini sopra ossari scordati
Aspiriamo a illuminare l’universo
Traboccando d’utile bontà

Morire di stenti, ecco il mio rosario.
Franare a picco lungo le pianure
Infangate dal nodo della tolleranza
Per cominciare a urlare sciogliendo la ragione.
Vorrei ricordare il sangue come una lama
Un rantolo che a sfare dà veleno
Per annunciarmi viva in una fossa
Derisa dalla fede che agonizza
Mia nausea la speranza

Svegliatemi defunta, sempre,
Stracolma di perdoni intorno al collo
E fiera, tangibile e invadente, devota a un sogno folle.
Non nascerò mai più.
Inchioderò le suole che ho graffiato
Vagando senza torti fra le forche
E negherò il mio passo incerto ai bivi
 
Questo dire fanciullo, viene meno al paesaggio
Scorre vene lontane 
Rovesciando la voce, e l’impero dei gesti.
Un crisantemo, almeno, labile accoglienza,
L’ordine cordiale delle cose.
Cimeli sotto gli occhi, impegni tramontati e mani vuote
Grondanti d’ideali

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Teresa Anna Biccai, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Il perdono di Giuda (Pubblicato il 05/03/2014 11:28:42 - visite: 745) »

:: Le attese dei rosari (Pubblicato il 24/12/2012 20:26:17 - visite: 1062) »

:: Paesaggi (Pubblicato il 19/11/2012 13:28:43 - visite: 750) »

:: Prima che i tuoi occhi (Pubblicato il 07/11/2012 01:53:43 - visite: 1262) »

:: Di tutte le difese (Pubblicato il 05/11/2012 13:16:13 - visite: 967) »

:: Precari come i pianti dei viandanti (Pubblicato il 18/06/2011 18:17:07 - visite: 880) »

:: Il timbro dei cipressi (Pubblicato il 07/06/2011 19:51:52 - visite: 1080) »

:: La quiete (Pubblicato il 29/05/2011 19:01:01 - visite: 875) »

:: La fatica (Pubblicato il 16/05/2011 20:20:13 - visite: 929) »

:: Ruscello e aridità (Pubblicato il 03/05/2011 20:31:51 - visite: 862) »