Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
ANTOLOGIA PROUSTIANA 2019: UNA NOTTE MAGICA | partecipa
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie"
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia_settimanale
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 162 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Fri May 24 17:39:45 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Impronte di eserciti sull’intero pianeta #GiornoMemoria


Testo proposto da LaRecherche.it

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 28/01/2019 12:00:00

 

(Hauteville, 10/12/1941)

 

 

Impronte di eserciti sull'intero pianeta,

tutti sono usciti in battaglia.

 

Un vento assassino infuria nel mondo

e io ancora per un istante rimango qui.

 

Anche per me, lo so, non passerà oltre,

né per le donne e i bambini.

 

A quale scopo ucciderò e sarò ucciso?

 

Da uqesta lunga morte uscimmo,

un breve ponte di vita,

per passare in fretta

verso una lunga morte.

 

E noi siamo poveri

e affamati.

 

Una nebbia cieca

rotolandosi in morbida neve

ha sbarrato ai miei occhi la strada

e le onde del bosco

che scivolano dal monte.

E per noi non c'è calore.

 

Ecco, ancora mi è rimasto

un poco di nulla

per cuocere un cucchiaio di zuppa,

un povero ancora inviterò

a mangiare con me

e a stendersi al mio fianco sul giaciglio di paglia.

 

 

[ da La notte tace. La Shoah nella poesia ebraica, a cura di Sara Ferrari, Belforte ]

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

La Redazione, nella sezione Poesia_settimanale, ha pubblicato anche:

:: V come Vincent (Pubblicato il 27/05/2019 12:00:00 - visite: 11) »

:: Midbar (Pubblicato il 20/05/2019 12:00:00 - visite: 162) »

:: Poesie per mamma Elda (Pubblicato il 13/05/2019 12:00:00 - visite: 196) »

:: Primavera, indomabile danza (Pubblicato il 06/05/2019 12:00:00 - visite: 166) »

:: Dal lavorio dei tetti (Pubblicato il 29/04/2019 12:00:00 - visite: 235) »

:: Ciro ci ha detto che gli figlia l’asina (Pubblicato il 22/04/2019 12:00:00 - visite: 140) »

:: ante meridiem (Pubblicato il 15/04/2019 12:00:00 - visite: 195) »

:: In memoria (Pubblicato il 08/04/2019 12:00:00 - visite: 258) »

:: Il nome che ti manca (Pubblicato il 01/04/2019 12:00:00 - visite: 262) »

:: Dalla cripta (Pubblicato il 25/03/2019 12:00:00 - visite: 273) »