Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
Una notte magica: Presentazione il 22 settembre 2019
alle ore 17 presso il Villaggio Cultura – Pentatonic
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia_settimanale
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 189 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Fri Sep 20 15:36:03 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

El primer hombre - Il primo uomo


Testo proposto da LaRecherche.it

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 03/06/2019 12:00:00

 

 

 

El primer hombre

 

Lo rodean

el pavor,

el ultraje del polvo

y las hormigas.

 

Sale del cubil. Se alza

sostenido por su proprio abismo.

Siglos

durará el dia en que se irguió,

siglos en cerrarse

a sus espaldas

el precipicio.

 

Ya el olfato se volvió memoria,

el vértigo

ojo

y campo abierto el aullido.

 

No sabe si es el primero

o el último.

De pie, al borde,

para siempre,

en todo lo que mire

verá lo que se ha ido.

 

Desunido de la noche

conoció la luz

y su propia sombra

que no es de este mundo.

 

Inefable, todavía,

tocó el abstracto decidido de la roca,

se vio en las otras bestias

con otra forma

aparecido.

 

Y escuchó por primera vez cantar un pájaro

u nunca más volvió a ser el mismo.

 

Dura aquí, en una caja nocturna

del Museo de Nairobi, entre los famtasmas.

de los animales.

 

Junto a sus huellas que el volcán retuvo

marchan, todavía, las de su hijo.

 

Somos tú y yo, sin nombre

en el mismo camino,

la misma luna vieja

deshuesándos

y al final lumbreras

que alguien saldrá a ver

mirando la noche,

desconocido.

 

 

[ Traduzione di Emilio Coco ]

 

Il primo uomo

 

Lo circondano

il panico,

l'oltraggio della polvere

e le formiche.

 

Esce dalla tana. Si alza

sostenuto dal suo stesso abisso.

Secoli

durerà il giorno in cui si eresse,

secoli a chiudersi

alle sue spalle

il precipizio.

 

Già l'olfatto è diventato memoria,

la vertigine

occhio

e campo aperto l'urlo.

 

Non sa se è il primo

o l'ultimo.

In piedi, sull'orlo,

per sempre,

in tutto ciò che guarda

vedrà ciò che se n'è andato.

 

Separato dalla notte

conobbe la luce

e la sua propria ombra

che non è di questo mondo.

 

Ineffabile, ancora,

toccò l'astratto deciso della roccia,

si vide nelle altre bestie

in un'altra forma

apparso.

 

E sentì per la prima volta cantare un uccello

e non tornò mai più lo stesso.

 

Dura qui, in una cassa notturna

del museo di Nairobi, tra i fantasmi

degli animali

 

Vicino alle sue orme che il vulcano trattenne

camminano, ancora, quelle di suo figlio.

 

Siamo tu e io, senza nome

sulla stessa strada,

la stessa luna vecchia

disossandoci

e alla fine fonti luminose

che qualcuno uscirà a vedere

guardando la notte,

sconosciuto.

 

 

 

[ Il pendolo del mondo - El péndulo del mundo (con testo a fronte in lingua originale), Leopoldo Castilla, Raffaelli Editore, Collana Ispanoamericana n. 22 - Traduzione di Emilio Coco ]

 

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

La Redazione, nella sezione Poesia_settimanale, ha pubblicato anche:

:: Parabola di Piero (Pubblicato il 16/09/2019 12:00:00 - visite: 97) »

:: Praticare la notte (Pubblicato il 09/09/2019 12:00:00 - visite: 175) »

:: Flagello di Parigi (Pubblicato il 02/09/2019 12:00:00 - visite: 124) »

:: Ineludibile il dolore (Pubblicato il 26/08/2019 12:00:00 - visite: 123) »

:: La misura del silenzio (Pubblicato il 19/08/2019 12:00:00 - visite: 175) »

:: Incroci obbligati (Pubblicato il 12/08/2019 12:00:00 - visite: 178) »

:: Ha appena finito il libro (Pubblicato il 05/08/2019 12:00:00 - visite: 186) »

:: Lettera dal mare (Pubblicato il 29/07/2019 12:00:00 - visite: 401) »

:: Il guscio delle cose (Pubblicato il 22/07/2019 12:00:00 - visite: 145) »

:: Piccolo poema di amor circense (Pubblicato il 15/07/2019 12:00:00 - visite: 176) »