Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Arte e scienza: quale rapporto? [L’arte e la scienza in 72 autori | e-book n. 239]
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia_settimanale
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 302 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sun Feb 16 07:53:16 UTC+0100 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Nei giorni per versi


Testo proposto da LaRecherche.it

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 30/12/2019 12:00:00

 

I

 

Come un accento a voce claudicante
balza e s’arresta il limite del giorno.
Taglieggia tra le sdrucciole e le piane
e tronca si riveste soluzione.


II

 

Raccogli panni e polvere a tentoni
(volteggia cencio bianco in dissolvenza).
Increspate le reti a ranghi storti,
pesca a strascico appare soluzione.


III

 

Non mette conto di narrare cruccio
se questo è tenue al cospetto di strazio
carta vetrata che sfalda ogni giorno
anche il sorriso imbe(ci)lle e tenace.

 

IV

 

Hai diviso, sezionato, riposto,
glossato e modulato con l’artrosi.
Sui piedi e le misure le escrescenze
si spingono, arrendevole reclamo.


V

 

Al portatore d’acqua non si chiede
di narrare di sé e della sua fonte.
Sorda sete che s’avventa sul secchio
scansa polvere suole e passi stanchi.

 

VI

 

«Lassez!» soleva dire, inascoltato.
La si faccia finita col teatro
le baruffe bassotte flatulente
il bolo sbalestrato ma conforme.


 

 

 

[ da Nei giorni per versi, Anna Maria Curci, Arcipelago Itaca ]

 

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

La Redazione, nella sezione Poesia_settimanale, ha pubblicato anche:

:: Lr yihw (Pubblicato il 17/02/2020 12:00:00 - visite: 24) »

:: Piccolo canzoniere privato (Pubblicato il 10/02/2020 12:00:00 - visite: 207) »

:: Fehlen (Pubblicato il 03/02/2020 12:00:00 - visite: 213) »

:: Shoah #GiornoMemoria (Pubblicato il 27/01/2020 12:00:00 - visite: 276) »

:: Planetaria (Pubblicato il 20/01/2020 12:00:00 - visite: 245) »

:: La terra del rimorso (Pubblicato il 13/01/2020 12:00:00 - visite: 274) »

:: Matin (Pubblicato il 06/01/2020 12:00:00 - visite: 214) »

:: O little town of Bethlehem (Pubblicato il 23/12/2019 12:00:00 - visite: 246) »

:: La terra più del paradiso (Pubblicato il 15/12/2019 14:54:28 - visite: 309) »

:: Piccola cosmogonia portatile (Pubblicato il 09/12/2019 12:00:00 - visite: 287) »