Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia proustiana 2020: Quarantena a Combray [invito a partecipare]
LaRecherche.it sostiene "la via immortale", da un’idea di Lello Agretti
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia_settimanale
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 314 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Wed May 27 13:17:40 UTC+0200 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

zoom su tutte le città ferite a morte


Testo proposto da LaRecherche.it

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 30/03/2020 12:00:00

 

 

zoom su tutte le città ferite a morte

nella polvere scompaiono le scene come fossero

bagliori di una notte mai trascorsa

se mi abbracci anche una sola volta    

la guerra scompare

 

abbracciati fuggiamo dagli scannatoi

da chi sogna di farsi cadavere tra cadaveri

abbracciati fuggiamo dall’empietà

di riportare i corpi nel buio della prenascita

 

dal video le nostre immagini   siamo

confusi abitanti del caos  

boia e animali sacrificali

mentre il fiotto soffoca il respiro

dei boschi dei nidi

di ciò che resta delle case

dove avevamo in mente di ritornare

 

come spiegheremo ai figli l’allarme ininterrotto

se non sotto una maschera di vergogna?

chi ritirerà la posta dalle cassette

mentre le arance rotolano dal cesto?

 

 

nota: l’espressione in corsivo è tratta da Il cieco canta alla sua città,  in Poesia al femminile, Abdulah  Sidran, Edizioni Saraj, 2006

 

 

[ da Andare per salti, Annamaria Ferramosca, Arcipelago Itaca, 2017, collana Mari Interni, Premio Arcipelago Itaca silloge inedita 2016 ]

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

La Redazione, nella sezione Poesia_settimanale, ha pubblicato anche:

:: In jedem Herz sin Steine (Pubblicato il 25/05/2020 12:00:00 - visite: 47) »

:: Amico, sei lontano (Pubblicato il 18/05/2020 12:00:00 - visite: 159) »

:: Cielo notturno con fori di uscita (Pubblicato il 11/05/2020 12:00:00 - visite: 107) »

:: La luna è un osso secco (Pubblicato il 04/05/2020 12:00:00 - visite: 179) »

:: In risposta al silenzio (Pubblicato il 27/04/2020 12:00:00 - visite: 165) »

:: Eco di polvere (Pubblicato il 20/04/2020 12:00:00 - visite: 444) »

:: Evasioni (in)certe (Pubblicato il 13/04/2020 12:00:00 - visite: 198) »

:: Ci aveva traditi, Giacomo? (Pubblicato il 06/04/2020 12:00:00 - visite: 220) »

:: The need (Pubblicato il 23/03/2020 12:00:00 - visite: 233) »

:: Notizie da Patmos (Pubblicato il 16/03/2020 12:00:00 - visite: 318) »