Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia Arte e Scienza: quale rapporto? (invia il tuo contributo entro il 15 gennaio 2020) Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Proposta_Articolo
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 956 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Mon Oct 7 02:17:32 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Caino è anche in noi

Argomento: Società

Articolo di Maurizio Maggiani 

Proposta di Luc Laudja »

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 06/12/2012 00:01:40

Mi sono chiesto infinite volte, perché nella mia vita ormai sono infinite le occasioni, dove risieda il senso della speranza e dell'attesa quando ti trovi nel mezzo del dolore, e dell'orrore, della morte. E se la speranza e l'attesa, avendo lì un luogo, avessero anche parole per esprimerle che non fossero stupide banalità di circostanza, ma parole di verità; perché la speranza è verità, o non è.
L'unica risposta ragionevole me l'ha data un sacco di anni fa un teologo valdese che cercava di spiegarmi con poche e chiare parole, adatte al mio virulento scetticismo, quale fosse l'essenza dell'Evangelo, che genere di Buona Notizia comunicasse la Buona Novella. "Vedi, la Buona Notizia è che la cattiva notizia non è l'ultima notizia". E io negli anni non ho trovato niente di più sensato da pensare, quando la vita si è incaricata di annunciare le peggiori notizie, e l'unica cosa che potevo vedere a occhio nudo era l'ineluttabilità del soccombervi. Se aderire a questa essenziale verità, e alla profezia che le soggiace, fa di me un cristiano, allora lo sono.
L'ultima volta che ho pensato a questo è stato ieri, dopo aver ascoltato le parole del marito della donna assassinata a Tor di Quinto. Poche parole: "Io sono uno uomo dello Stato. Non chiedo vendetta, chiedo giustizia e verità".
Da quanti anni non sentivo parole del genere? Da quanto tempo non si sentono più, in nessuna circostanza? Quell'uomo non è un ministro a cui è stato appena notificata un'indagine a suo carico - e non mi ricordo di un ministro che si sia espresso in modo così austero - ma un ufficiale della Marina repubblicana straziato dalla perdita del suo amore più caro.
Ho imparato ad abituarmi ad altre parole, quelle mi sono parse come venute da un altro pianeta; meglio, da un profeta, un portatore della Buona Novella. Le sue parole sono la Buona Notizia. Ma immagino che nessuno le abbia ascoltate, nessuno abbia ritenuto che fossero pronunciabili.
Suonano assai più credibili e confacenti: se lo Stato non fa giustizia ci penserò io; ci vorrebbe la pena di morte per quell'animale; datelo a me che ci penso io. Come immagino che nessuno abbia ascoltato davvero, e abbia creduto confacenti le prediche del pastore valdese e del cappellano militare durante la cerimonia dei funerali.
"Il male si vince con il bene, la disperazione con la speranza operosa che sa agire nel presente: rendere giustizia alla memoria di Giovanna vuol dire rendere più umana la vita di uomini e donne che vivono sotto lo stesso cielo. Possono forse far qualcosa il sindaco, il governo o lo Stato, quando la massa del popolo è lontana, distratta, sonnolenta? È in noi che dobbiamo operare, perchè Caino è anche in noi. In ogni uomo c'è il senso del bene e del male: Caino ha sbagliato ma anche noi siamo nell'errore, anche noi stiamo sbagliando".
No, non è tempo di questo. Giustizia e verità non servono, non placano, non soddisfano, non salvano il Paese dalla sua disperante paura. Non è il tempo degli uomini dello Stato né dei cristiani compresi nella profezia della Buona Novella.
L'unica cosa che oggi ci pare ragionevole è sbarazzarci di tutto ciò che può farci del male, a prescindere dal modo, e persino dai risultati, nella certezza che il male è tutto intorno a noi, salvo che in noi. Più efficace che cacciare dal Paese i delinquenti è certamente cacciare tutti quelli che potrebbero esserlo, un giorno o l'altro. Tutti gli zingari, certamente. E io concordo. Sì, sono perché in questo Paese si rimanga noi, solo noi, italiani brava gente. Così, finalmente, dovremo fare i conti con noi stessi. E constatare, senza possibilità di inquinare le prove, quanto siamo bravi, e buoni, e belli. E quanto siamo Caini.
L'altro ieri è morto don Oreste Benzi, tutti lo hanno conosciuto. La sua ultima dichiarazione, prima di morire è stata la seguente: "I funzionari della polizia romena ci dicono: i lupi feroci siete voi italiani. Voi oggi sbranate più di 30.000 ragazze romene. Siete voi che mantenete i criminali romeni che le tengono schiave. Sono i vostri maschi italiani che pagano i delinquenti romeni. Noi dobbiamo chiedere perdono alla signora massacrata. Ma voi dovreste stare in ginocchio tutto l'anno".

Se tutto il Paese non si è sollevato in un sacrosanto coro di fischi e di lazzi, è, credo, solo perché don Benzi è morto prima che si potesse organizzare la cosa.
Questo Paese, con la più alta percentuale europea di puttanieri amanti della famiglia e strenui difensori dei suoi valori.

 

Maurizio Maggiani: Caino è anche in noi
Tratto da "Il Secolo XIX", 4 novembre 2007

 

 

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Luc Laudja, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia pe la collaborazione.