Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
ANTOLOGIA PROUSTIANA 2019: UNA NOTTE MAGICA | partecipa
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie"
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Proposta_Articolo
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 112 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sat May 25 16:26:11 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Un gesto abile di aggregazione

Argomento: Arte

Articolo di Anna Laura Longo (Biografia)

Proposta di Anna Laura Longo »

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 17/02/2019 13:52:41

UN GESTO ABILE DI AGGREGAZIONE
Riflessioni su Wolfgang Ellenrieder
 
 
Una detonazione, solida, di materiali variamente assemblati, frutto  di un gesto abile di aggregazione e  di segmentazione della Forma, dunque della realtà. Una realtà che si schiera - apertamente - dinanzi allo sguardo, seminando un lieve senso di frastornamento. Questo, in sintesi, il risultato delle ricerche attuali dell'artista tedesco Wolfgang Ellenrieder, che espone nell' Accademia Tedesca  di Villa Massimo e titola il suo ampio progetto CARTONE-PLASTICA - ORO.
Anche il colore è doverosamente immesso, anzi partecipe, in questo gioco di manifestazioni e ibridazioni pittoriche, in cui la spinta vitale sopraggiunge quale degna alleata. Pur aderendo saldamente alla staticità - e sobrietà - della parete, ognuna delle opere presentate tende a proiettarsi e a protendersi caparbiamente, ma con compattezza, verso il riguardante . Ci si potrebbe infatti spingere  a definire tali pitture delle "libere prominenze".
Il valore dell'aggregazione si instaura e si riassorbe tra i riquadri di cartone, le superfici forate, le obliquità delle parti in bilico: materiali misti e alquanto spigliati nel loro essere liberamente disposti, in un assetto di leggerezza e acerbità, dove il sostrato ritmico è purtuttavia geometrizzante.
Meritano un'attenzione specifica le opere di grande formato, anzitutto Kiosk des Glüks  ( un vero chiosco ubicato nel primo ambiente ) e Stripes, maxi-pannello che si palesa nel terzo ambiente, quasi a mo' di traguardo.
Al loro cospetto l'occhio può abbandonarsi a un definitivo stimolo o segno stabile di presenza  e di inopinabile corposità. Ma è in possesso di una valenza sostanziosa e impressiva soprattutto  l'opera terminale, fortemente riepilogante: grazie al suo essere un blocco conchiuso essa sembra emanare una sotterranea "vocalità". Non soltanto per la sontuosità della dimensione adottata ma, ad esempio, per  la meraviglia del verde prescelto, per l'intreccio austero generato dalla variabilità delle griglie, che danno luogo a intersecazioni inattese, in cui prevale, più o meno nascostamente, il tentativo di simulazione del cartone stesso.
Opere  che risaltano, come  fossero brillanti coacervi ( coacervi forse di desideri o di labili quotidianità): assimilabili a vere e proprie strutture corali.
 
Informazioni
Luogo: Accademia Tedesca Roma Villa Massimo
Largo di Villa Massimo 1-2 00161 Roma
Durata mostra: 31 gennaio -15 marzo 2019
Orari apertura: dal lunedì al giovedì ore 9,00-17,30, venerdì ore 9,00 -14,0; sabato e domenica chiusi
www.villamassimo.de


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »