Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia Arte e Scienza: quale rapporto? (invia il tuo contributo entro il 15 gennaio 2020) Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Proposta_Narrativa
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 1510 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Fri Oct 18 09:49:26 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

A proposito della poesia

di Alojz Ihan 

Proposta di Loredana Savelli »

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 6 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 11/05/2013 07:25:59

La poesia è storiografia delle verità imprescindibili dell'uomo. Cartografia
degli spostamenti e viaggi dello spirito. Evidenzia tutti i movimenti
essenziali che con l'andare del tempo avvengono nelle anime umane
e che di solito non è possibile avvertire nelle vicende quotidiane.
Trasformazioni nell'animo dell'individuo, trasformazioni nell'animo della
comunità umana, trasformazioni nell'animo del tempo. Senza la poesia
neanche potremmo accorgerci dei mutamenti degli stati d'animo e delle sue
evasioni, senza le persone che questi mutamenti intuiscono con sensibilità e
attenzione e concretizzano in parole ci sentiremmo sempre più a disagio
nei nostri corpi. Perché ci sembrerebbero sempre più disadatti ed estranei
all'anima. Insomma - non importa che nome le diamo - la poesia è ciò che
si agita dentro di noi e che contiene l'energia e la forza che mette in moto
tutto. Lo stesso vale per la comunità umana. Per la natura. E il tempo. Noi
poeti, ossia i poeti in genere, siamo quelle persone che sentono questo
disagio molto presto e intensamente, sapendolo rendere con parole e
immagini visibile e palpabile. In modo che possano riconoscerlo anche i lettori.
Che dopo riescono con più facilità a ritrovare l'equilibrio perduto. Intanto noi
poeti siamo già a caccia di versi nuovi e quindi siamo gli unici a essere privati
degli effetti benefici della poesia. Come sono privati i sacerdoti degli effetti
benefici dei loro riti. Per cui, da un lato è bello essere poeta, dall'altro
invece è molto meglio starsene in disparte, quanto più lontano possibile, e
godere comodamente la poesia da lettore. Sono perfino del parere che
quest'ultima sia l'unica vera poesia.



Traduzione dallo sloveno di Jolka Milič

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 6 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Loredana Savelli, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia pe la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Loredana Savelli, nella sezione Proposta_Narrativa, ha pubblicato anche:

:: Confessione , di Javier Lostalé (Pubblicato il 26/06/2016 09:12:02 - visite: 879) »

:: Il libro dell’inquietudine, pag. 52 , di Fernando Pessoa (Pubblicato il 26/07/2015 15:29:18 - visite: 1376) »

:: Le città e gli occhi - da Le città invisibili - Einaudi , di Italo Calvino (Pubblicato il 04/10/2014 12:59:00 - visite: 1622) »

:: La musica popolare , di Marcel Proust (Pubblicato il 03/10/2012 15:23:44 - visite: 3019) »

:: Non lontano dall’albero , di Amos Oz (Pubblicato il 21/05/2012 18:25:33 - visite: 1466) »

:: Qualche pensierino sulla poesia e il suo autore , di di Tomaž Šalamun (Pubblicato il 01/05/2012 08:58:52 - visite: 1262) »

:: La scrittura del dio , di Jorge Luis Borges (Pubblicato il 11/03/2012 16:49:33 - visite: 7155) »

:: un testo di Alfonso Gatto , di Alfonso Gatto (Pubblicato il 26/02/2012 22:16:36 - visite: 1352) »

:: Discorso di Wislawa Szymborska - Premio Nobel - , di Wislawa Szymborska (Pubblicato il 02/02/2012 15:26:18 - visite: 5443) »

:: Indegnità dei capi , di Isaia (Pubblicato il 07/09/2011 00:44:42 - visite: 1287) »