Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia Arte e Scienza: quale rapporto? (invia il tuo contributo entro il 15 gennaio 2020) Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Proposta_Narrativa
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 330 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sat Nov 16 01:45:39 UTC+0100 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

I tumulti atmosferici e non di ’Cime Tempestose’

di Emily Bronte e Beatriz Sarlo 

Proposta di Marisa Madonini »

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 30/07/2018 16:43:10

Omaggio a Emily Bronte nel bicentenario della nascita

 

Si pensi alle parole di Cathy in un passo giustamente celebre di Cime tempestose: dal capitolo IX 'I miei più grandi dolori in questo mondo sono stati i dolori di Heathcliff; io li ho scrutati, e sentiti tutti uno per uno, sin dal principio: nella mia vita il più gran pensiero è lui. Se tutti gli altri perissero e lui restasse, anch’io continuerei ad esistere: e se tutti gli altri restassero e lui fosse annichilito, l’universo mi rimarrebbe totalmente estraneo. Il mio amore per Linton è come il fogliame nei boschi: il tempo lo muterà, lo sento bene, come l’inverno cambia le chiome degli alberi: il mio amore per Heathcliff rassomiglia alle rocce eterne sotto terra: una sorgente che dà poca gioia visibile ma necessaria. Nelly, io sono Heathcliff ! Egli è sempre, come nella mia mente: non come gioia, come io sono una gioia per me stessa, ma come il mio stesso essere'.

 

 

La passione erotica è, precisamente, questa perdita non della vita, dell’onore, o della virtù, ma del principio stesso d’identità. La passione è fusione. Dopo queste parole, non è più importante se Cathy sceglie di sposarsi con un altro; quell’atto istituzionale e pubblico è completamente secondario rispetto al rapporto passionale che la unisce a Heathcliff. Cime tempestose non contempla la prospettiva sociale del matrimonio, che esiste in quasi tutti i romanzi sentimentali. Al contrario, la passione è radicalmente anti-istituzionale. Paragonabile solo all’amore che si deve approvare per la Divinità, amore che si esprime come assoluto perché è in rapporto con un assoluto, la passione di Cathy per Heathcliff è “blasfema”. L’intensità del romanzo della Brontë si fonda su questo assoluto passionale che evoca quello religioso. La passione assoluta è tragica, giacché non c’è possibilità di ricomposizione istituzionale, domestica o sociale dell’amore. Sulla passione non si costruisce un futuro, come lo si costruisce sull’amore quando vince gli ostacoli. La passione non vuole né il matrimonio, né il possesso fisico del proprio oggetto: questo desiderio, che pure esiste, è secondario rispetto all’assoluto. Nella passione non c’è felicità ma fusione o, come nel Werther, morte». Beatriz Sarlo Il romanzo sentimentale, 1700 – 2000 Ne Il Romanzo, vol II, Le forme. Einaudi , Torino 2002


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Marisa Madonini, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Marisa Madonini, nella sezione Proposta_Narrativa, ha pubblicato anche:

:: Possiamo salvare il mondo, prima di cena , di Jonathan Safran Foer (Pubblicato il 09/09/2019 14:27:49 - visite: 137) »

:: Omaggio a V. Woolf : ’Mrs. Dalloway’ INCIPIT , di Virginia Woolf (Pubblicato il 25/01/2018 10:00:33 - visite: 564) »

:: Underground , di Don DeLillo (Pubblicato il 22/11/2017 15:59:30 - visite: 500) »

:: Cathedral , di Raymond Carver (Pubblicato il 11/10/2017 00:03:08 - visite: 678) »