Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia Arte e Scienza: quale rapporto? (invia il tuo contributo entro il 15 gennaio 2020) Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Proposta_Narrativa
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 150 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Wed Nov 13 03:47:35 UTC+0100 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

da ’Fuga da Bisanzio’ (*)

di Iosif Brodskij 

Proposta di Laura Turra »

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 05/02/2019 14:11:16

[…] i poeti, a differenza dei narratori, ci dicono tutta la storia: non soltanto in termini di esperienze che hanno vissuto e di sentimenti che hanno provato, bensì – ed è questo l’aspetto per noi più pertinente – in termini di linguaggio, attraverso le parole che essi decidono di scegliere.
Un uomo avanti negli anni, se ancora regge la penna in mano, ha una scelta: scrivere le sue memorie o tenere un diario. Per la natura stessa del loro mestiere, i poeti sono diaristi. Tengono infatti, e spesso contro la loro volontà, la più fedele registrazione di ciò che sta succedendo (a) alle loro anime, si tratti del dilatarsi di un’anima o – più frequentemente – della sua contrazione, e (b) al loro senso del linguaggio, dal momento che sono loro i primi ad avvertire l’usura o la svalutazione delle parole. Ci piaccia o no, noi siamo qui per imparare non tanto ciò che il tempo fa all’uomo ma ciò che il linguaggio fa al tempo. E i poeti, non dimentichiamolo, sono coloro «by whom it [language] lives», il cui linguaggio vive. È questa legge a insegnare a un poeta una rettitudine maggiore di quella che una fede, qualsiasi fede, possa ispirare. […]

Il meno che si possa dire è che ogni individuo dovrebbe conoscere almeno un poeta dalla prima all’ultima pagina: se non per prenderlo a guida nel viaggio attraverso il mondo, almeno per avere un metro con cui misurare il linguaggio. W.H. Auden […]
Fu un grande poeta (l’unica cosa che non funziona in questa frase è il passato remoto, poiché la natura del linguaggio colloca invariabilmente nel presente i risultati di chi opera nel linguaggio stesso); e io considero un’immensa fortuna quella di averlo conosciuto. Ma anche se non l’avessi mai incontrato, resterebbe la realtà della sua opera. Si deve essere grati al destino per averci esposto a questa realtà, per la profusione di questi doni, tanto più inestimabili in quanto non erano destinati a nessuno in particolare. Si potrebbe chiamarla generosità dello spirito, ma lo spirito ha bisogno di un uomo attraverso il quale rifrangersi. Non è l’uomo a diventare sacro per effetto di questa rifrazione; è lo spirito a diventare umano e comprensibile. […]

 

(*) con gratitudine a Ferdinando Giordano che con la citazione di W.H. Auden "Tempo... adora il linguaggio"
     mi ha spinto ad approfondire...

«Tempo che è intollerante / verso prodi e innocenti, / e indifferente in una settimana / a un fisico superbo, / adora il linguaggio e perdona / colui nel quale vive: / assolve viltà, orgoglio, / depone i suoi onori ai loro piedi»

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Laura Turra, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.