Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
ANTOLOGIA PROUSTIANA 2019: UNA NOTTE MAGICA | partecipa
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie"
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Proposta_Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 1155 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sun Jun 16 22:42:00 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Due poesie

di Leonard Nolens 

Proposta di Pietro Menditto »

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 27/02/2013 10:46:41

 

ESULE

Non è qualcosa, non è qualcuno
ciò che ieri forse ti ha lasciato.
Non è qualcosa o qualcuno ciò che oggi
ti ha abbandonato qui al tuo destino.

E' la vita stessa, questa luce
col tuo volto così poco sostanziale.
E' l'esatta carenza di luogo
del tuo corpo posato qui su una sedia.

E' l'aria, una fuga di nuvole
sulla rètina di un cieco, è questa
perpetua durata, in mancanza di respiro
divisa in misure e tempi.

E' la vita stessa, questo tremore
che ti possiede, questa trama che sei tu.
E' questa vita stessa che oggi
ti lascia solo con il tuo peso specifico.

E' l'oggi con tempo da cani e carne umana,
l'eterna febbre nella testa, la tua bestia.
E' soltanto la vita stessa che oggi
ti ha consegnato qui al destino.



 

 


DUPLICITÀ

Essa è il letto che non mi lascia sognare,
la prima colazione, impossibile a inghiottirsi.
E' il bacio del risveglio che così caramente mi sfigura
e sfiora un morire che devo imparare.

Io sono il suo uomo che ha perso la solitudine
e, diventato solo nella sua duplice essenza,
si infatua di sé, ambivalente, insicuro.
Essa è la ferita sanguinante che mi può guarire.

E' la luce che mi priva della luce.
E' la via, che mi sbarra il cammino.
E' la casa che mi aliena dalla casa
e mi imprigiona all'indirizzo che le dico.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Pietro Menditto, nella sezione Proposta_Poesia, ha pubblicato anche:

:: Grida vane , di Ghèrasim Luca (Pubblicato il 29/09/2014 12:38:27 - visite: 956) »

:: Gli abiti e i corpi , di Giovanni Giudici (Pubblicato il 15/01/2013 09:34:27 - visite: 1257) »

:: Autoritratto in uno specchio convesso , di John Ashbery (Pubblicato il 14/01/2013 09:04:20 - visite: 5068) »

:: La sigaretta migliore , di Billy Collins (Pubblicato il 04/01/2013 12:30:33 - visite: 1069) »

:: Il libretto d’istruzioni , di John Ashbery (Pubblicato il 31/12/2012 17:53:18 - visite: 1167) »

:: Il romanzo , di Walter Benjamin (Pubblicato il 08/05/2012 09:05:02 - visite: 1075) »

:: Da ’La linea alba’ , di Antonio Santori (Pubblicato il 01/05/2012 12:36:17 - visite: 1390) »

:: Solitudine , di Mario Stefani (1938-2001) (Pubblicato il 06/04/2012 10:32:23 - visite: 1172) »

:: Solitudine , di Mario Stefani (poeta veneziano) (Pubblicato il 05/04/2012 11:39:28 - visite: 1511) »

:: CILIEGIA ROSSA SU PIASTRELLE BIANCHE , di MARAM AL MASRI (Pubblicato il 11/11/2011 18:52:39 - visite: 1173) »