Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Una notte magica [ Magie e cunicoli spaziotemporali ], Aa. Vv.
Presentazione il 22 settembre 2019, ore 17 presso il Villaggio Cultura – Pentatonic
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Recensioni
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
Pagina aperta 1803 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sat Aug 24 16:56:44 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Raccontami la notte in cui sono nato

Narrativa

Paolo di Paolo
Giulio Perrone Editore

Recensione di Giuliano Brenna
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le recensioni scritte dall'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 10/02/2009 18:04:48

Il protagonista del romanzo, Lucien, decide di togliersi di dosso la propria vita, non suicidandosi, semplicemente dandola ad un altro, vuole uscirne, come da un involucro, lasciandolo intatto per mettere un'altra persona al posto suo, e per questo nuovo protagonista della sua vita sceglie Filippo, suo coetaneo. Il romanzo si dipana, in modo assai gradevole ed elegante, in questa sorta di “preparativo di fuga” di Lucien, il quale fa una sorta di inventario, di tutti gli anni vissuti sin lì, per cercare di capire cosa vi sia stato di sbagliato. Infatti a portarlo alla decisione di “dimettersi” da sé stesso è una sorta di incapacità di vivere appieno i momenti, una specie di irresolutezza, che lo lasciava con l’amaro in bocca e gli altri stupiti, spesso, della sua apparente superficialità. Ma di superficialità non si è mai trattato, bensì di una profondità trasversale, altra, che portava Lucien su un percorso simile a tutti, a giungere a mète sbagliate. Invece, Filippo, al posto suo, riuscirà a portare ad un compimento la vita di Lucien dandoci l’impressione che forse le vite che si vivono non si generano con noi, ma potrebbe darsi che sono come degli abiti che ci troviamo a dover indossare ma che non sono fatti apposta per noi, ci stanno magari bene addosso, ma nascondono qualche difetto che non ce li fanno calzare a pennello.
Il breve romanzo si legge molto volentieri, sia grazie all’originalità della trama, ma soprattutto per la bravura dell’autore, che in brevi passaggi, ben calibrati, ci porta attraverso le età della vita del protagonista, senza avvalersi di veri e propri flash-back ma con semplici e decise pennellate di colore diverso.
L’autore svela tra le pagine una sorta di visione introspettiva del protagonista, costruendo tali parti come dialoghi intimisti, non li definirei “psicologici” nel senso stretto, ma più riflessioni sull’essenza dell’uomo moderno che fanno da ossatura della vicenda, da detonatore per lo sviluppo di tutto il romanzo. Ebbene, l’autore in questi passaggi, dà il meglio di sé, cesellandoli con minuzia e sapienza, senza farli diventare dei trattati, o appesantendoli con inutili luoghi comuni, ma scrive passaggi molto ben equilibrati, e che, sebbene centrati sul protagonista, hanno un certo respiro universale che rendono la lettura molto interessante e di ampio respiro. Al termine del romanzo il lettore che trova Filippo così a suo agio nella vita di Lucien si domanderà di certo come sarà la nuova vita di Lucien, avrà egli capito come risolvere i suoi dilemmi o se li terrà cari?
L’autore, sebbene appena ventiseienne, ha già al suo attivo un curriculum letterario di tutto rispetto, compresi lavori per il teatro e la televisione, e, vista la sua collaborazione con due prestigiosi quotidiani, sono certo che sentiremo parlare ancora molto di lui, e, se è vero che la maturità migliora la penna, ci donerà senz’altro bellissime pagine.
Completa il piacere della lettura una copertina davvero bella.

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Leggi altre recensioni ai libri di Paolo di Paolo:

:: Dove eravate tutti - Feltrinelli
(Pubblicata il 28/10/2011 12:00:00 - visite: 1927) »