Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - V edizione (2019)
PUBBLICATI I NOMI DEI FINALISTI
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Recensioni
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
Pagina aperta 1446 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sat Mar 23 19:39:49 UTC+0100 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Al macero dell’invisibile

Poesia

Dante Maffia (Biografia)
Passigli Editori

Recensione di Roberto Maggiani
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le recensioni scritte dall'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 28/07/2008 01:33:03

“Al macero dell’invisibile” è un libro pulito, vergine nel fondamento, incorrotto. Ha parole nette e precise che si sommano a costruire una sintassi essenziale; i versi, calibrati sulla vita e l’esperienza che il poeta ha di essa, in un ampio spettro umano, personale e sociale, sono incisivi e non lasciano possibilità di ambivalenze di interpretazione, c’è una sorta di amarezza di fondo per un mondo che tende all’ovvietà, che ha leggi inderogabili e definitivamente scritte, anche se la speranza, per quanto ombreggiata e ombreggiante, è sempre inscritta nella weltanshaung del poeta, come luogo dove ripararsi dopo la disillusione e la rabbia.
Maffia ha uno sguardo molto attento, proprio perché ha la coscienza che il tempo della tautologia può essere alle porte, non già soltanto come processo storico e culturale, ma anche nella stessa lingua poetica, v’è il rischio di cadere in una spirale avvolgente verso il già detto, ed è proprio questa sua coscienza che lo libera e lo centrifuga fuori da questo rischio: “Il terrore che tutto sia stato detto, / ripetuto in più lingue e in varie epoche; / che tutto sia passato e ritornato / e s’approssima il tempo della tautologia. // […] // Per i tanti millenni da venire di cosa vestiremo i nostri sogni? / Sento la noia dell’eternità / come un pantano di melma.”
In questo libro c’è, abbastanza evidente, una analisi dello stato sociale contemporaneo e dei comportamenti che hanno caratterizzato il passato delle azioni umane che, in qualche modo, in maniera quasi scontata, si ripeteranno; egli, quindi, manifesta una sorta di veggenza nel suo tentativo di descrivere un futuro non già temporale ma evolutivo: “Coleranno a picco i palazzi, / la deriva avrà un suono lungo / sdolcinato di ruggine, / il sapore disfatto delle carogne. / E nessuno s’accorgerà del mutamento: / i bus viaggeranno, la luna / s’affaccerà normalmente per deliberare / su qualche fiore morto. / E chi invocava il silenzio o sperava / nella rivolta s’accorgerà / che le saracinesche dei negozi / s’apriranno puntuali / e le acque dei fiumi / andranno verso il mare.” Il poeta sferra un netto colpo all’indifferenza verso le guerre che infestano il mondo, eventi segnati da distruzione e morte, ma che non modificano il tran tran quotidiano di un contesto sociale lontano dal luogo dove accadono, né la natura delle cose che continua, imperterrita, a seguire le sue leggi eterne ed immutabili.
Il non senso e l’assurdità della guerra, sono denunciati anche in quest’altra, bellissima, poesia: “Perché avrebbe dovuto andare al fronte? / Per chi? non aveva mai sentito nominare / Piave, Tagliamento / e le montagne lo mettevano a disagio. // Sparare su un altro? / Per prendergli poi la casa? / Aveva la sua, fabbricata / mattone su mattone con le sue mani. // E gli altri a dire che i codardi, / solo i codardi agiscono così.”

In questo mondo rosso di sangue e nero di non senso vi è una oasi di verde, la famiglia; Maffia è padre ed ha un amore profondo per le figlie, amore che lo rasserena e attraverso il quale trova l’ingresso in una sorta di giardino dove ristorarsi di tranquillità rituffandosi nelle acque limpide della propria fanciullezza: “[…] // Così potemmo visitare il luogo / dove nascono le favole. / Venimmo a sapere che lì / non conoscono la morte. // C’era anche l’aquilone / che da bambino mi sfuggì di mano. / […]”, oppure “Rivedo la mia infanzia nei tuoi occhi / e tutte le città di buio che fanno ressa / nel mio cuore si dissolvono a un tuo gesto. / sei bella come un orizzonte acceso / da un vento di luce avido di sogni, / buona come il pane.”

“Al macero dell’invisibile” è una raccolta di una densità di contenuti ampia e profonda, ogni singolo testo apre porte su mondi e pensieri che hanno panorami aperti e neppure facilmente risolvibili in poche parole; nonostante questo, Maffia riesce, con intelligenza poetica, a ridurre all’essenza quelle vastità di problematiche, riassumendo in pochi versi domande poste a fondamenta del mondo naturale, sociale e umano. Talvolta, attraverso la sua capacità di mostrare la deriva dell’evoluzione sociale verso l’assurdo, arriva ad indicare anche modalità per una possibile soluzione a tale deriva, modalità che indicano, spesso, direzioni semplici e scontate, esattamente opposte alle azioni che introducono all’assurdo, e incredibilmente la loro ovvietà le rende quasi invisibili.

Maffia è un poeta che dovrebbe essere maggiormente conosciuto e letto anche da chi non è del “mestiere”, i suoi testi rendono la poesia piacevole, e non è cosa ovvia per un poeta. E' un libro che ha un grande valore ed è consigliabile la lettura anche per chi vuole scrivere poesia ma ancora si sente cedevole nel legare le proprie sensazioni e intuizioni alla scrittura in versi: Maffia mostra come sia possibile mantenere un linguaggio semplice e ben articolato ed esprimere al meglio le proprie visioni sulle cose e gli eventi.

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Leggi altre recensioni ai libri di Dante Maffia:

:: Milano non esiste - Edizioni Hacca
(Pubblicata il 12/02/2010 12:00:00 - visite: 2014) »


:: Il poeta e lo spazzino - Ugo Mursia Editore
(Pubblicata il 24/04/2008 - visite: 1456) »