Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia proustiana 2020: Quarantena a Combray [invito a partecipare]
LaRecherche.it sostiene "la via immortale", da un’idea di Lello Agretti
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore č soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Saggi
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 179 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Mon May 25 04:29:56 UTC+0200 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Leggendo Michail Bulgakov e Fėdor Dostoevskij

Argomento: Letteratura

di Giuseppe Wochicevick
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i saggi dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 04/03/2020 09:23:34

Penso che nella disamina di noi stessi, da ogni punto di vista si voglia vedere, qualsiasi esso sia, ci sia qualsivoglia in noi una visione introspettiva del nostro essere che rifiutiamo di vedere per scelta nostra, o del nostro inconscio.

Un riavvicinato incontro col tempo che rifiutiamo di avere.

Il battito che ci spaventa più degli altri.

il più intimo.

la paura del futuro.

il nostro.

Credo non sia sufficiente sentire male per sentirsi buoni, nè per farlo provare agli altri. Essere i mandanti, gli effetti collaterali devastanti di un dolore. O per lo stupirsi di una gioia.

Si presenta il conto e si va all'incasso, questo è per adesso quello che per noi conta più del resto, l'essere convincenti limitandoci volutamente nel farlo.

Come se per vivere avessimo soltanto la fottuta necessità di una lotteria per vincere o perdere, per puntare su qualcosa o su qualcuno, per poter recriminare o essere consolati a prescindere, naturalmente non e mai, per colpa nostra.

Come tutto fosse solo una una vendetta, una rivincita partendo da un principio per portarlo a proprio termine con un bizzarro tentativo di esempio e somiglianza.

Mentre il sogno rimane la percezione di ciò che non avviene, mentre la scommessa più grossa di noi stessi è la vita stessa che, al pari del tempo, scorre inesorabile tra le nostre mani.

Un compitino facile facile quanto stupido, e idiota.

Pensare possa bastare pagare con l'inganno per aver diritto ad avere l'ultima parola chiamata ragione. Cercare la fine di un incubo non chiudendo il cerchio, lasciando aperto uno spiraglio a tutto.

Comprarsi tutto a tutti i costi.

Studiare per pensare di poter insegnare a vivere e giudicare.

Confondere il quotidiano al pari di un dovere, al mero prezzo di un'ideologia.

 

"Essere protagonisti vivendo da comparse è soltanto lo stupido presagio di un sogno, la cognizione di ciò che non siamo stati in grado di vivere, di essere, e far vivere.

Dimostrare amore."

 

Libero pensiero e ispirazione leggendo Michail Bulgakov e Fëdor Dostoevskij

 

“Il Maestro e Margherita” di Michail Bulgakov e “L'Idiota” di Fëdor Dostoevskij, sono due tra i libri letti e riletti che non smetterei mai di leggere e rileggere.

Due tra i manoscritti che porterei sempre con me e che in fondo, porto in ogni cosa. Pagine che forse ho portato nel mio io ancor prima di leggerle, in ogni momento della mia vita.

Letture conosciute per caso, inconsapevolmente, sicuramente troppo tardi come gli incontri inaspettati e piacevoli che ho avuto la fortuna di avere, e che egoisticamente, vorrei non finissero mai di esistere.

Come non fossero soltanto pagine di un romanzo

ma come fosse un amore

una vita

per sempre.

 

Giuseppe Wochicevick


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Giuseppe Wochicevick, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa puņ sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.