Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Arte e scienza: quale rapporto? [L’arte e la scienza in 72 autori | e-book n. 239]
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
 
« torna indietro | torna ai libri | vai al libro | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo di Michele Colafato
La notte della vigilia

Sei nella sezione Commenti
 

 Raouf Karray - 20/12/2011 07:35:00 [ leggi altri commenti di Raouf Karray » ]

Brava Michele , tanti auguri , Raouf

 Loredana Savelli - 30/06/2011 14:55:00 [ leggi altri commenti di Loredana Savelli » ]

Fresche come una brezza un po’ esotica queste poesie che scorrono senza peso. Eppure esse sono portatrici di una vasta filosofia che non appare mai erudita, piuttosto ricca di una forma di "pietas" nei confronti delle diverse sembianze con cui si presenta l’uomo nel suo procedere nello spazio e nel tempo.
Grazie, una lettura originale.

 annamaria ferramosca - 28/06/2011 15:45:00 [ leggi altri commenti di annamaria ferramosca » ]

Vorrei qui ringraziare LaRecherche con la grande disponibilità e lungimiranza di Roberto Maggiani e Giuliano Brenna, e insieme tutta la redazione di Poesia Condivisa, per avere reso possibile questo frutto della collaborazione tra due lit-siti:un e-book che premia gli autori presentati nella rubrica Poesia Condivisa del portale poesia2punto0. Spero che questa sia un’ulteriore conferma della mia idea di una possibile diffusione dei libri di poesia valida, realizzata attraverso gli stessi lettori che la propongono.
Invito i frequentatori de LaRecherche a leggere nella nostra rubrica il progetto e il regolamento per condividere poesia, nonchè le proposte già pubblicate.
E rinnovo le mie congratulazioni al primo autore premiato con l’e-book, Michele Colafato, e al suo presentatore Francesco Dalessandro, che ringrazio anche per l’entusiasmo espresso all’idea della condivisione-diffusione con questo nuovo modulo.

Riporto qui uno stralcio della mia lettura dei testi di Colafato

...Sono nuclei emozionali rappresi,che appaiono come piccole stanze di dolore sbarrato,in cui dietro la stessa delicatezza delle tre poesie che conosciamo, si rivela una lancinante richiesta di empatia. Vi si legge tutta l’inesprimibile altalena della vita, tutta la pena che si deve accogliere come evento destinato. E si cammina lungo queste parole come percorrendo il mistero dell’esistere, accettato senza angoscia nè illusione, investiti da un misterioso senso di pacificazione che questi versi promanano. E’,forse,in questo sereno acquiescere, la consapevolezza sottesa che dovunque si vada nel mondo, l’umanità sarà sempre uguale e sempre riconoscibile, perchè “l’acqua ha lo stesso sapore e scorre ad altezze diverse da una vena unica”. Un’umanità che,seppure dolente, dopo il sonno di un distorto passato conserva, come al mattino del sabato, il seme germogliante di una incrollabile speranza.

A tutti un caro saluto,
Annamaria Ferramosca

 Francesco Dalessandro - 26/06/2011 19:12:00 [ leggi altri commenti di Francesco Dalessandro » ]

Un commento di soli auguri a chi ha ideato questa bella iniziativa e a chi la porterà avanti: cito Annamaria per tutti. Naturalmente, sono lieto che essa inizi con Michele Colafato, avendolo io segnalato nella poesia condivisa e quindi sentendomi, ora, più che partecipe del breve ma intenso e-book che ne è nato. Belle, caro Michele, anche le due inedite. Vale
Francesco

 pasquale vitagliano - 26/06/2011 14:28:00 [ leggi altri commenti di pasquale vitagliano » ]

Grazie per quello che fate per diffondere Poesia.
Pasquale Vitagliano

 Franca Alaimo - 24/06/2011 10:55:00 [ leggi altri commenti di Franca Alaimo » ]

Stare tra le cose immaginando può essere il segreto di una cauta e tutta umana allegria: questo è l’annuncio che ci porta Colafato con la sua poesia aderente alla bellezza del mondo, ai suoi dettagli, agli uomini che, mentre lavorano e si muovono nel reale, inconsapevolmente costruiscono, anche con i loro gesti, emblemi e segni di grazia. E, se le ferite ci sono, basta con pazienza ricucirle, e se qualche vuoto resta, basta riempirlo con l’immaginazione e anche con i miti che altro non sono che le favole della scienza, e perciò nuda sapienza.
E’ una poesia, questa di Colafato, che, sia pure come sussurrata, rimane nell’orecchio. E’ sobria, senza essere arida; è abitata da sentimenti senza essere sentimentale; in altre parole, è frutto di un profondo equilibrio interiore e di un orecchio allenato alla composta musicalità dei classici.

 Daniele Incami - 23/06/2011 00:30:00 [ leggi altri commenti di Daniele Incami » ]

Benvenuta alla nuova collana.