Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Scarica gratuitamente LaRivista n. 4/2016, Anno IV, Aa. Vv. (pdf)
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - III edizione (2017)
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo di Manuel Alegre
Velhos cadernos quadriculados

Sei nella sezione Commenti
 

 Franca Alaimo - 09/11/2016 17:35:00 [ leggi altri commenti di Franca Alaimo » ]

La parola poetica che nasce in situazioni estreme, in cui la dignità umana appare compromessa dall’inferno della guerra, è quella che ci ricorda più di ogni altra cosa che scrivere versi non è un gesto intellettuale, ma una necessità primaria,che ci ricorda che siamo fatti di qualcosa che supera la contingenza. L’uomo che poeta, infatti, ritorna sempre integro nonostante tutto; e la poesia, nell’accettare tutta la vita anche nei suoi aspetti meno nobili e nel conglobarli all’interno di un itinerario di esperienza, dimostra di essere tanto più autentica quanto più è fatta di vissuto, di dolore autentico, di passione che non cessa, nemmeno quando deve ricorrere solo alla recitazione orale per comunicarsi agli altri, perché non c’è nemmeno un foglio di carta sul quale annotare le parole. E’ una poesia bellissima. Roberto, ora ti scriverò in privato.