Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
Una notte magica: Presentazione il 22 settembre 2019
alle ore 17 presso il Villaggio Cultura – Pentatonic
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo di Adielle
LÂ’ho scordato

Sei nella sezione Commenti
 

 Cristiana Fischer - 23/05/2013 19:37:00 [ leggi altri commenti di Cristiana Fischer » ]

ah be’, certo, certo...

 Adielle - 23/05/2013 19:13:00 [ leggi altri commenti di Adielle » ]

Cara Cristiana cogli nel segno, noi,alludo a quelli del mio branco,
abbiamo la tendenza ad essere recidivi; per costruire ci vogliono altre schiene altre braccia e al momento non le abbiamo.
un senso di sconfitta ci accompagna non va via nemmeno con una doccia
allora ci dedichiamo con alterne fortune ad una falsa bisboccia che ci
tiene alla larga dall’affrontare i problemi.
Ci comportiamo ancora come bambini per non ammettere a noi stessi che siamo già in ritardo sul prenderci le nostre responsabilità di adulti,
l’atmosfera è feroce perché siamo consapevoli ma immobili e possiamo diventare cattivi o più stupidi.

 Cristiana Fischer - 23/05/2013 14:09:00 [ leggi altri commenti di Cristiana Fischer » ]

"mi brucia il cuore ma è paura del vuoto di fare mattino un’altra volta" "poi la vergogna del ritorno a casa/ognuno si arrangia a modo suo per mantenere i propri vizi" senti, ma... da abruzzese immigrata a un abruzzese locale (almeno credo)... tirare fuori una vis construendi? sarà mica solo colpa della "punizione verbalmente espressa di qualsiasi ceto sociale" se "in grandi gorghi dell’anima" passate "volentieri la mano/al prossimo miraggio di sabato soprattutto/c’è più gente in giro con cui potersi far del male" e così via, così via...