Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia proustiana 2020: Quarantena a Combray [invito a partecipare]
LaRecherche.it sostiene "la via immortale", da un’idea di Lello Agretti
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo di Adielle
In tema di apparenze

Sei nella sezione Commenti
 

 Adielle - 10/04/2018 06:20:00 [ leggi altri commenti di Adielle » ]

Grazie Arcangelo, nel saggio "L’utopia della comunicazione" di Philippe Breton, ho assimilato il concetto di uomo-superficie eterodiretto, concepito da Norbert Wiener, padre della cibernetica, che tanto ha a che vedere con il tuo puntuale commento, grazie e un caro saluto.

 Arcangelo Galante - 28/12/2017 20:49:00 [ leggi altri commenti di Arcangelo Galante » ]

L’aforistico pensiero dell’autore mi rimanda alla classica festa in maschera, in cui è un classico, apparire per quello che, in realtà, non si è.
Le considerazioni esposte, però, divengono ancora più significative, giacché spingono a pensare al continuo flusso di persone, incrociate nel proprio cammino e con le quali, forse, si è sempre cercato di mantenere le apparenze.
Del resto, lo scenario della vita si presta ad un vero e proprio palcoscenico, sul quale le maschere sono sempre presenti, proprio perché viviamo in un’epoca di esasperata finzione sia emozionale che sentimentale.
Chi possiede il coraggio di essere se stesso, mostrando la propria “superficie”, aumenta quel grande valore, insito proprio nel sapersi distinguere dalla moltitudine.
Senza voler biasimare nessuno, purtroppo, la società ci porta, spesso, a voler rispettare le apparenze, perché, come citava un vecchio aforisma di Friedrich Schiller: “tutti giudicano secondo l’apparenza, nessuno secondo la sostanza”.
Forse, è proprio meglio non averle, le apparenze, ma solo superfici...
Eloquente_mente, saluto. :-)