Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
Una notte magica: Presentazione il 22 settembre 2019
alle ore 17 presso il Villaggio Cultura – Pentatonic
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo di Adielle
la promessa delle nuvole

Sei nella sezione Commenti
 

 Adielle - 15/09/2014 01:19:00 [ leggi altri commenti di Adielle » ]

Grazie Cristina, grazie Lorenzo, ho assistito e sono stato partecipe di un avvenimento "critico" che mi ha molto colpito, presto ne scriverò l’orrore sperando di riuscire a non sottovalutare la componente umana che secondo me in questi casi è comunque inestinguibile o materia principe non potendo essere altrimenti tutte le volte che si ha a che fare con una morte in diretta. Ciao cari saluti.

 Lorenzo Mullon - 12/09/2014 12:45:00 [ leggi altri commenti di Lorenzo Mullon » ]

eppure è così bello disabitare le case quando i ponti ti chiamano sotto per nome
sicuramente qui a Venezia
ma tutte le città dovrebbero essere così
bisognerebbe ridisegnare il mondo degli umani secondo un’antica sapienza perduta
case di mattoni legno pietra e basta
noi siamo ossessionati dal "calpestabile", dalla metratura, dai volumi del cemento, e guarda che freddezza abbiamo creato

  Cristina Bizzarri - 12/09/2014 10:03:00 [ leggi altri commenti di Cristina Bizzarri » ]

Mi fa sempre meraviglia, leggendoti, lo scarto. Lo scarto tra il dolore acuto e insopportabilmente reso accettabile con il farmaco aspro dell’ironia, e la sete di bellezza che riversi nei versi, in suoni che si abbracviano e si respingono. Ritornano. Si fanno beffe di te eppure sono più forti di te. Vincono loro - i tuoi suoni, questo cantare "leu" che, anche se "Dio si sottrae" "dalla condizione del polline alla promessa delle nuvole  di far piovere.", tuttavia queste immagini esistono e risplendono, in tutta la loro terribile responsabilità: la bellezza, che non è mai fine a se stessa ma dice sempre altro - anche se questo altro sembra irraggiungibile, e forse lo è. Questa è poesia.