Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia Arte e Scienza: quale rapporto? (invia il tuo contributo entro il 15 gennaio 2020) Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo di Maura Potì
Va’ dove ti porta il cuore

Sei nella sezione Commenti
 

 Maura Pot - 21/11/2013 11:31:00 [ leggi altri commenti di Maura Pot » ]

@ Marco: si probabilmente rivolta alla poesia, o a quel magico momento che mi fa sentire in connessione con il mondo esterno. Grazie per l’apprezzamento. A presto.
@ Lorenzo: tu dici che questione di attenzione, e lo senz’altro in questo mare di solitudine. Penso che manchi la volont di condivisione, di un impegno al recupero del nostro patrimonio comune di valori, di sentimenti. E il senso di vuoto e di isolamento non aiuta l’ispirazione poetica. Grazie anche a te. Un abbraccio

 Lorenzo Mullon - 18/11/2013 16:05:00 [ leggi altri commenti di Lorenzo Mullon » ]

Prima o poi rientreremo in noi stessi, magari una questione di attenzione di attenzione di attenzione

 Lorenzo Mullon - 18/11/2013 16:04:00 [ leggi altri commenti di Lorenzo Mullon » ]

Prima o poi rientreremo in noi stessi, magari una questione di attenzione di attenzione di attenzione

 Marco Giovanni Mario Maggi - 14/11/2013 20:40:00 [ leggi altri commenti di Marco Giovanni Mario Maggi » ]

Cara Maura, la tua una bellissima poesia rivolta, forse, alla poesia stessa. Mi piace molto il modo in cui scrivi, il tocco leggero ma intenso.

 Maura Pot - 14/11/2013 11:37:00 [ leggi altri commenti di Maura Pot » ]

Ogni volta, ma proprio ogni volta, che mi arriva in posta la notifica col mittente "pietro.dimarco", mi aspetto di leggere il commento di un uomo! Ed sempre una piacevolissima sorpresa incontrare la mia dolce Fiammetta. Sar un p stupida, o forse solo distratta? Grazie cara, un forte abbraccio

 Fiammetta Lucattini - 14/11/2013 11:19:00 [ leggi altri commenti di Fiammetta Lucattini » ]

Perch sei stanca di aspettare?
E’ vero che tutti lo siamo, ma dopo una cos esperta poesia siamo meno disfatti dall’attesa.
Un caro saluto.

 Maura Pot - 13/11/2013 19:14:00 [ leggi altri commenti di Maura Pot » ]

Se questa la definisci "poca lucidit", ebbene sappi che la tua parte migliore ;) grazie per l’apprezzamento, ma grazie soprattutto per questa inaspettata e gradita iniezione di ottimismo. Un abbraccio

 Emilio Capaccio - 13/11/2013 15:47:00 [ leggi altri commenti di Emilio Capaccio » ]

Ammetto di essere poco lucido in questi ultimi giorni (che per un poeta potrebbe anche essere una cosa non del tutto malvagia, intendiamoci!), per a me sembra, avendo letto anche l’altra poesia che hai pubblicato qualche giorno fa, che questo lungo esilio, ti abbia decisamente "rigenerata" in termini di creativit, in un modo del tutto ammirevole.
Sono due splendide poesie, in particolare, di questa mi ha colpito la suggestione delle immagini e il modo di svelarti, lucido e penetrante, con quell’onest che ti caratterizza, ma anche con un tono pi maturo e consapevole.
Quello di cui tu parli (che in una sola parola pu essere definita SERENITA’)arriver! oggi o domani, e forse in un modo imprevisto, attraverso canali che magari non ti saresti proprio aspettata.
A volte noi "umani" (ma, la nostra natura!) abbiamo il brutto difetto di sapere come andranno a finire le cose: analizziamo, desumiamo, traiamo conclusioni talmente inconfutabili, che se domani ci cade su una foglia staccata dal ramo dell’Imprevisto, si sgretola in un baleno tutto quello di cui siamo stati certi fino a quel momento, e quell’imprevisto sembra dirci: - visto come ti ho fatto fare la figura del "fesso"? visto come ora sei felice? che fine hanno fatto adesso le tue sciocche convinzioni? -
Allora, io suggerirei, onde evitare di fare queste "figuracce", di essere sempre "una pingue botte d’ottimismo", (senza badare alla linea!), pronti ai cambiamenti, a nuovi gesti, a nuovi linguaggi, aspettarsi il Bene da ogni parti si guardi intorno: l’unico modo che conosco per "fregare" quell’Imprevisto burlone.

Un abbraccio.

 Loredana Savelli - 12/11/2013 15:22:00 [ leggi altri commenti di Loredana Savelli » ]

Di carattere, non si pu separare la tua voce da te!
Ciao Maura!