Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Una notte magica [ Magie e cunicoli spaziotemporali ], Aa. Vv.
Presentazione il 22 settembre 2019, ore 17 presso il Villaggio Cultura – Pentatonic
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo di Amina Narimi
In riva al Reno

Sei nella sezione Commenti
 

 Emilio Capaccio - 17/12/2012 23:11:00 [ leggi altri commenti di Emilio Capaccio » ]

"...La vigilia di natale masticherà verbena..."
Ah, la mia amata verbena!

Metafore originali e immagini molto suggestive!

Beijus, Amina!

 Amina Narimi - 17/12/2012 21:22:00 [ leggi altri commenti di Amina Narimi » ]

Ondina della danza
elementale di montagna,
nelle cascate cerco l’anima,
nello scroscio d’inevitabile profezia
proteggo il sogno e l’anello del mio Reno
dal figlio della nebbia,dall’oblio

Grazie Luca!!

 Luca Soldati - 17/12/2012 18:03:00 [ leggi altri commenti di Luca Soldati » ]

Danzavano del Reno nelle mistiche
acque, avvilite le Ondine dall’onta
subita; poi non è stato dato più
di scorgerle. I naviganti, che in notti
trasfigurate sicuri veleggiano,
narrano di un flebile suono simile
ad un lamento, a tratti percepibile,
vinto dal clangore dei meccanismi
moderni. Sì le esangui elementali
ninfe si celano al guardo dell’uomo,
dannate dall’agamico anatema.
Una coltre di policrome schiume
ricopre la superficie del Fiume,
tenendo bordone alla nuvolaglia
che vela il cielo di eguali colori.

 Amina Narimi - 17/12/2012 17:58:00 [ leggi altri commenti di Amina Narimi » ]

quei buchi sono a ricovero dei sogni,basta chiuderli con la creta
poi soffiare,a mantenerli vivi nell’inverno...ecco Cristiana spingere a forza i vetrini equivale credo a non smettere di sognare..mettendo,per quanto grigi,quei toni di colore dentro gli alberi...tanto da barattare con la pancia quest’emozione brillante più degli addobbi di Natale pur forte richiamo
E’ un lamento, quello che si sente dal profondo così fondo che non riesce a risalire se non per poco,tanto che in superficie può apparire esile e perfino lontano dall’Avvento
Ma quanto gli è vicino e quanto sogna di colorare!
Grazie Cristiana...ora sto anche meglio con il mio pensiero_esule_sempre


 Cristiana Fischer - 17/12/2012 17:38:00 [ leggi altri commenti di Cristiana Fischer » ]

c’è tristezza e isolamento in questa tua "a forza spinge i vetrini nei sacchetti/grigi dentro i buchi degli alberi" e tiri questa somma "così lontani dall’Avvento"... vediamo: lontana dai riti domestici nè puoi distribuire perline colorate... forse sbaglio tutto, anima esule