Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
ANTOLOGIA PROUSTIANA 2019: UNA NOTTE MAGICA | partecipa
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie"
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo di Amina Narimi
Nel peso di una vita la dolcezza

Sei nella sezione Commenti
 

 Lorenzo Mullon - 16/12/2013 18:11:00 [ leggi altri commenti di Lorenzo Mullon » ]

Ritorno adesso da una camminata di otto ore nei boschi, e mi sono chiesto anch’io qual è la preghiera degli alberi... penso sia la connessione, semplicemente essere in comunione col tutto, nient’altro

 Amina - 16/12/2013 15:28:00 [ leggi altri commenti di Amina » ]

Adielle catturano gli occhi le tue parole dove la Vita ci aspetta sempre per ricominciare
a sognare lo stesso sogno, lo stesso canto insieme

Sì, Cristina quell’usignolo cantava " narimi"... rimani

Grazie amicomioFranco, sono davvero stelle fitte i brillii di quella fiamma in casa e lasciano salire lo stesso canto lungo il camino, per i muri delle stanze, per la vita che setaccia con dolcezza ogni dolore s’espande in casa una preghiera

 Franco - 16/12/2013 12:29:00 [ leggi altri commenti di Franco » ]

E’ vero anche che ognuno legge sè stesso. Così l’ uccellino sulla punta del cielo di Cristina diventa mia madre.. che me lo ripeteva spesso "vorrei essere un uccellino, per vedere dove va un girovago", e adesso è ogni pettirosso o rondine o capinera che incrocio.
Le lenticchie messe a germinare diventano una stufa a legna, un focolare e una fiamma viva, calda.. antichi muri e un cielo di stelle nella credenza.
E poi c’è quella preghiera.. che muoia il dolore, per far spazio alla dolcezza...
davvero bella.

  Cristina Bizzarri - 16/12/2013 07:00:00 [ leggi altri commenti di Cristina Bizzarri » ]

Tra quei rami si affaccia sulla punta del cielo un uccellino - si sporge oltre il mattino, oltre la notte, nella sera - canta una voce che non so, ma che mi dice "oltre il
dolore io mi sporgo, e del dolore sono gioiosa tessitura, questo è il canto".

 Adielle - 16/12/2013 01:36:00 [ leggi altri commenti di Adielle » ]

Amina, così bella, troppo bella da far male, anche se non pretendo di aver compreso tutto, tutt’altro, ho le lacrime agli occhi e non mi vergogno a dirlo: uno di quegli incontri da cui ricominciare.
Ciao un abbraccio forte.