Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
ANTOLOGIA PROUSTIANA 2019: UNA NOTTE MAGICA | partecipa
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie"
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo di Amina Narimi
Pesach

Sei nella sezione Commenti
 

 Chanteloup - 08/05/2019 00:25:00 [ leggi altri commenti di Chanteloup » ]

la tua poesia si fa sempre più rara. È un gradevole rinascere leggerti ancora.
C.

 Amina Narimi - 23/04/2019 20:43:00 [ leggi altri commenti di Amina Narimi » ]

Fiordy le tue parole magentano il viso,
raccolgono le mie mani con un filo di voce per scrivere Grazie

 Amina Narimi - 23/04/2019 20:37:00 [ leggi altri commenti di Amina Narimi » ]

Fabry ti ringrazio con la gioia di saperti qui

 Ferdinando Giordano - 23/04/2019 13:17:00 [ leggi altri commenti di Ferdinando Giordano » ]

Per il tuo salmo, e per la congettura della tua voce che odo accordata, sei contigua alle allodole. Vola. E grazie, sempre.

 Fabrizio Giulietti - 22/04/2019 23:15:00 [ leggi altri commenti di Fabrizio Giulietti » ]

ristoro di anime, sorgente di cuori... buona pasqua a te...

 Amina Narimi - 22/04/2019 22:43:00 [ leggi altri commenti di Amina Narimi » ]

Grazie L’aura, grazie Cristina rileggervi qui, nella veracasa, dona ai miei occhi un’emozione indicibile
Vi stringo in un abbraccio fitto di Pasqua e bellaluce

 cristina bizzarri - 21/04/2019 21:31:00 [ leggi altri commenti di cristina bizzarri » ]

È un ristoro leggerla, come uscire da un sentiero fitto d’alberi e rari fiori (la cui bellezza dopo un lungo camminare affatica e stringe) e improvvisamente sboccare in una radura immersa nella luce d’oro del tramonto. E sedersi sul prato, senza più stanchezza, felici di sentire che quella e quella soltanto era la meta e non c’era bisogno d’altro.

 Laura Turra - 20/04/2019 21:15:00 [ leggi altri commenti di Laura Turra » ]

Che magnifico canto, Amina!
“Risorgere è un lunghissimo affidarsi...”
Buona Pasqua benedetta e grazie per questo splendore.