Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia Arte e Scienza: quale rapporto? (invia il tuo contributo entro il 15 gennaio 2020) Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo di Angelo Ricotta
Il balletto elettorale

Sei nella sezione Commenti
 

 Franca Colozzo - 29/01/2018 12:57:00 [ leggi altri commenti di Franca Colozzo » ]

Un omaggio alla tua poesia, recitando la mia:


SOCIETA’ DEMENTE

Non è il politico l’eroe che prediligo
in questa vana società demente,
ma l’ombra sempre onnipresente
del pover’uom che ognor s’affatica.

Non è il potente né l’aulico magistrato,
cui la vita a piene mani ha dato,
ma il solerte, umile ed ignoto,
che passa la sua vita in mezzo al guado.

In questo mondo ottuso e inconsistente
Mi vien voglia d’urlare a perdifiato
e di lasciare al caso impertinente
di mescolar le carte da esaltato.

Ma più forte di tutto è la passione,
che tien vivo lo spirito guerriero,
che m’attanaglia il cor e mio malgrado
mi spinge ad affrontar ogni tenzone.

Così passo la vita in permanenza
a raccogliere cocci e delusioni,
senza capire, per mio sommo scontento,
l’effimera durata d’ogni azione.

Franca Colozzo



 Angelo Ricotta - 15/01/2018 18:17:00 [ leggi altri commenti di Angelo Ricotta » ]

Ne ho sentite troppe di promesse non mantenute. Tutte falsità che non vale la pena di ascoltare. In vita mia ho ricevuto un solo dono (gratuito): la vita da parte di mia madre. Tutto il resto l’ho pagato a caro prezzo insieme ai miei genitori: contadini, emigranti e poi commercianti, senza stipendio fisso, senza ferie né malattia pagate. Senza reddito di cittadinanza, senza assistenze di alcun tipo. L’unico della famiglia che ha studiato e fatto il ricercatore, ma come i miei mi sono pagato la mia casa, ogni cosa, niente regali. E adesso i nostri figli devono tornare ad emigrare! Disprezzo i servi, i parassiti e i loro padroni.

Commento non visualizzabile perché l'utenza del commentatore è stata disabilitata o cancellata.

 Arcangelo Galante - 15/01/2018 11:07:00 [ leggi altri commenti di Arcangelo Galante » ]

Gentile Angelo,
ho letto parecchi testi di utenti-amici (per quelli che, perlomeno tali, si sono dimostrati), qualcuno deludente, altri un pochino acerbi, parecchi belli ed anche divertenti, come questo balletto elettorale, riflessivo e, persino, estremamente fantasioso ed arguto, come il tuo.
In questa epoca di crescente antipolitica, fatta di accuse aggressive e provocatorie verso la cosiddetta casta di privilegiati, leggere una poesia-racconto, così oso definirla, dotata di tale sagacia, elegante e leggera, per nulla superficiale, ritengo sia un’ottima capacità, ironizzare sull’argomento intavolato, in piacevole maniera.
E come si fa a non simpatizzare col contenuto, che, con ironia diverte, ma, in verità, raccoglie anche le aspirazioni pensanti chissà di quanti lettori?
Vi sono tre punti salienti che ho colto: la proposta (raccomandazione), l’irritazione e, come ultimo aspetto, la “felicità” nel prenotare un volo sulla Luna, ove, possibile è cercare più fortuna.
I politici, gradiscono mettere in difficoltà le persone che, promettendo di fare bene, offrendo vantaggi d’ogni tipo, hanno invece sempre fatto, esclusivamente il loro, di interesse, creando problemi nuovi senza risolvere quelli antecedenti.
Il secondo aspetto che emerge dalla lettura è la sottile irritazione, nel dedurre e scoprire, o sapere già, per esperienza vissuta, che esiste una “zona off limits” dove continueranno a fare i loro comodi alla faccia, di tutti.
E, per concludere le impressioni suscitatemi, alla fine, tutti vengono abbandonati nel Paese!
Bello il gioco di parole che hai saputo adoperare, per far ballare i miei pensieri.
Un amichevole saluto!