Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia proustiana 2020: Quarantena a Combray [invito a partecipare]
LaRecherche.it sostiene "la via immortale", da unidea di Lello Agretti
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo di Antonio Terracciano
Perché ancora l’ermetismo

Sei nella sezione Commenti
 

 Franca Colozzo - 02/03/2018 18:46:00 [ leggi altri commenti di Franca Colozzo » ]

@Antonio, concordo pienamente con il tuo pensiero, ma come giustamente faceva rilevare Angelo, spesso il poeta come il pittore si trasforma in un manierista per compiacere gli altri.
Le mode purtroppo, soprattutto in questi tempi, sono al centro dei social e dell’attenzione pubblica. Abbiamo gi insigni esempi nella letteratura del passato, in particolare neoclassica, nell’opera di Vincenzo Monti, manierista compiacente con la sua poesia cortigiana abituata a identificarsi con i sistemi politici.
Sicuramente, come afferma Ferdinando, il poeta il primo lettore della sua opera, ma a volte pu privilegiare una metamorfosi del suo lessico poetico per compiacere gli altri o le mode correnti. Inoltre, campagne di mercificazione del linguaggio poetico sono sempre oggi pi diffuse, cos da indurre spesso i mestieranti della poesia a produrre in un gergo non consono al proprio mondo interiore, ma ai sentimenti in voga.
Il mio pensiero, in parte esposto nel mio saggio: "E’ morta la poesia?", se occorra conoscere bene la metrica, cos come la grammatica per la scrittura, il figurativo per la pittura, il pentagramma per la musica, l’aritmetica per la matematica, ecc.
Cio, se un poeta si possa definire tale a prescindere dallo studio della metrica. Probabilmente la risposta s, anche al di l della "ratio" di un percorso sistematico dell’apprendimento.
Credo che sia fondamentale la conoscenza delle poesie dei grandi poeti italiani fino ai giorni nostri. Eccezione fatta, forse, per la genialit, che appunto rientra in una casistica "una tantum" e quindi sporadica. Sottolineo che l’apprendimento pittorico stato fondamentale anche per i grandi geni, da Michelangelo a Raffaello, da Leonardi a Caravaggio, da Van Gogh a Picasso... Perch questa regola non dovrebbe essere valida anche per la Poesia?

 Ferdinando Battaglia - 25/02/2018 16:36:00 [ leggi altri commenti di Ferdinando Battaglia » ]

Ci sono mille sfaccettature nella personalit d’un poeta, che sfuggono ad ogni rigida codificazione o categorizzazione, non credo che il poeta scriva "immediatamente" in virt del lettore (il primo lettore di se stesso lui stesso), anche quando scrivesse su commissione, se di talento vocazionale e di scrittura autentica, non verrebbe meno questo aspetto connotativo della sua lingua, che appunto "ignora" il lettore, altrimenti saremmo in un altro ambito creativo, magari non minore per fattura di risultato, per certamente prossimo alla seduzione, simile a ci che rappresenta oggi la pubblicit, piuttosto che al fascino intrinseco di un’opera artistica. Condivido molto delle considerazioni di Angelo, forse sulla conoscenza letteraria e storica che un poeta dovrebbe avere del passato e del proprio tempo, ritengo che se necessaria, tuttavia non lo in modo assoluto ai fini della produzione poetica, ancorch deve venire dal talento o dal genio.

 Antonio Terracciano - 25/02/2018 15:42:00 [ leggi altri commenti di Antonio Terracciano » ]

Sono su questo perfettamente d’accordo!

 Angelo Ricotta - 25/02/2018 14:34:00 [ leggi altri commenti di Angelo Ricotta » ]

Comunque io ritengo che un vero artista debba s conoscere la materia oggetto del suo operare, sia tecnicamente che storicamente, ma nel contempo debba assolutamente prescindere da intenzioni avanguardiste o di retroguardia e da considerazioni di stili obsoleti o alla moda. L’artista deve seguire solo la propria ispirazione e il proprio talento. Insomma non si deve cercare di essere originali a tutti i costi ma essere semplicemente sinceri con se stesso e con gli altri. Nella scienza c’ una situazione analoga: c’ chi rimane nel seminato e chi prescinde da ogni moda. Solo questi ultimi hanno realizzato qualcosa di interessante.

 Antonio Terracciano - 24/02/2018 19:39:00 [ leggi altri commenti di Antonio Terracciano » ]

Ottima disanima, quella del Ricotta, sui motivi che spingono a scrivere poesie ermetiche, ai quali, semmai, ne aggiungerei un altro: l’ingenua aspirazione giovanile a produrre, in quel modo, un qualche capolavoro (a me, da giovane, capitava, salvo ripudiare quelle composizioni dopo pochi mesi... ) Si prenda addirittura l’esempio di Montale: era giovanissimo quando pubblic gli "Ossi di seppia" , e forse "Le occasioni" e "La bufera e altro" furono scritte a quaranta e a cinquant’anni proprio per "manierismo" , perch il poeta non aveva il coraggio di abbandonare quello stile che l’aveva reso tanto famoso. Ma in vecchiaia, a pi di settant’anni (dopo vent’anni di silenzio poetico) gett tutto alle ortiche, con la scanzonata, ironica e quasi cinica raccolta di "Satura" (comprensibilissima da tutti, a condizione di essere normalmente intelligenti) , la quale pu darsi svel ai lettori, finalmente, il suo vero modo di pensare e di essere.

 Angelo Ricotta - 24/02/2018 18:13:00 [ leggi altri commenti di Angelo Ricotta » ]

A mio parere possono esistere almeno quattro motivazioni nella scrittura di poesie ermetiche. Una senz’altro quella che tu riporti ovvero l’idea di appartenere ad una lite letteraria che invece, come giustamente tu rilevi, ampiamente fuori tempo. Un difetto di ingenuit che dipende da una carenza culturale. Un’altra motivazione pu essere che, pur conoscendo la storia letteraria, si voglia intenzionalmente riprodurre quello stile nella speranza di approfittare della fama di cui ancora godono gli originatori di esso. I manieristi, in tutti i settori artistici, non sono proprio questo? Un paragone pregnante ci viene dalla pittura. Ci sono dei pittori capaci di imitare alcuni stili del passato e che sono difficilmente smascherabili persino da esperti. Per lo pi si dedicano alla lucrosa produzione di falsi. Nulla per vieterebbe loro di adottare quello stile per produrre opere altrimenti originali. Insomma se qualcuno fosse capace di dipingere come Caravaggio io mi toglierei tanto di cappello! In tal caso non si tratterebbe di un falsario ma di un artista che ha scientemente adottato uno stile perch consono al proprio modo di esprimersi. Pertanto lo stesso pu essere per chi scrive in stile ermetico. Infine c’ una quarta possibilit. Una poesia pu acquisire talvolta e spontaneamente una forma ermetica a causa della necessit del poeta di esprimere aspetti della propria esperienza o del proprio sentire difficilmente comunicabili al lettore se si vogliono mantenere certi aspetti formali che rendano l’opera suggestiva, evocativa, insomma invitante. Altrimenti si finirebbe per scrivere della prosa in verticale.