Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia Arte e Scienza: quale rapporto? (invia il tuo contributo entro il 15 gennaio 2020) Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo di Antonio Terracciano
Spesso poesia è droga

Sei nella sezione Commenti
 

 Antonio Terracciano - 17/05/2019 18:12:00 [ leggi altri commenti di Antonio Terracciano » ]

Sono perfettamente d’accordo con il commento della gentilissima Franca Colozzo e, in base alla mia esperienza, mi permetterei di aggiungere (da inveterato "classicista" , forse superficialmente penserà qualcuno) che la "droga" poetica è tanto più dolce, delicata ed efficace quanto più la poesia riesce a cullare il lettore in quella musica dei metri e delle rime che sembra un dono fattoci più da Morfeo che da Calliope o Euterpe, per allontanare (pur se provvisoriamente) con l’oblio i nostri brutti pensieri, convogliandoli verso un (illusorio, ma momentaneamente reale) ipnotico paradiso artificiale.

 Franca Colozzo - 17/05/2019 15:19:00 [ leggi altri commenti di Franca Colozzo » ]

Penso veramente, Antonio, che la poesia sia rigeneratrice e che ci affranchi da molti mali. Ci cura e ci ristora quanto più le nostre pene diventano impossibili da sopportare. Credo fondamentalmente che l’uomo abbia inventato (o forse essa è una traccia preesistente di vita spirituale, una scintilla divina) la poesia come panacea a tutti i mali. L’arte, ad ogni modo, nel suo insieme è catartica.
A mò di introspezione interiore, la poesia butta all’esterno tutti i fantasmi che ci inseguono nei sogni e gli incubi reali di un mondo dall’uomo stesso reso malvagio e rio (natura ria in Leopardi, niente a confronto dell’uom che di natura invera ogni sciagura).
Un saluto amichevole. Buona serata.