Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
Una notte magica: Presentazione il 22 settembre 2019
alle ore 17 presso il Villaggio Cultura – Pentatonic
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo di Franca Colozzo
Punti di vista

Sei nella sezione Commenti
 

 Arcangelo Galante - 08/12/2017 14:12:00 [ leggi altri commenti di Arcangelo Galante » ]

Si, Franca, hai individuato con oculatezza la ragione di una diffusione demagogica del pensiero. Oramai, l’essere umano non è più capace di accettare la diversità di espressione, in senso lato, inerente a qualsivoglia argomentazione. L’intolleranza, ben celata pure a livello mediatico, sta assumendo forme cubitali e nessuno sembra accorgersi di essere diventati simili a gente rancorosa, la quale, falsamente afferma di accettare i pareri discordanti, ma poi, in seguito, si mostra inflessibile e priva di quella naturale elasticità mentale, necessaria per un armonico confronto. La società moderna è piena di esempi in linea con la risposta che mi hai dato. Un tempo, l’amico, spontaneamente faceva notare un errore all’interlocutore, e ciò imparava a migliorarsi, comprendendo il vero. Oggi, appena ci si sofferma semplicemente nel dire che manca una “virgola”, gli adulatori accorrono ad affondare la verità, illudendo maggiormente coloro che, alla fine, non saranno più intelligenti nel vedere la luce di quanto è stato realmente sottolineato. Ne scaturisce un atteggiamento di guerra fredda, perché il sincero, o l’attento, viene isolato ed abbandonato da un falso confronto di idee, il quale, giammai, viene considerato. Pure io ho imparato a spese personali a farmi i fatti miei e a soprassedere, ma mi rendo conto che pochissima gente apprezza l’obiettiva verità, in una discussione. Perdonami per essermi dilungato, ma sono assai scoraggiato da quella massa culturale che si loda di essere preparata a vivere emozioni di variegate sfaccettature. Un abbraccio riconoscente. Domando umilmente scusa, se posso avere dato fastidio coi miei sinceri e spontanei "punti di vista". :-)


 Franca Colozzo - 08/12/2017 10:26:00 [ leggi altri commenti di Franca Colozzo » ]

La verità purtroppo fa male, ma anche avere opinioni diverse pare che oggi sia un reato. In Italia non si possono esprimere opinioni divergenti senza essere attaccati sui socials. Purtroppo, nel nostro Paese, è venuto meno il dibattito civile. Essere non d’accordo significa insultare con arroganza, con vilipendio, senza rispetto per l’altro. Viviamo in una società demente che si sta avviando alla fine ultima: il suicidio culturale che ben si sposa con il degrado politico. Non so veramente quale sia il limite, la demarcazione tra l’onestà intellettuale di esprimere il proprio pensiero senza demagogia ed il rancore che si sta diffondendo nella nostra società. Mi preoccupano soprattutto i giovani che da questo turpiloquio traggono solo un cattivo esempio da seguire.

 Arcangelo Galante - 07/12/2017 21:22:00 [ leggi altri commenti di Arcangelo Galante » ]

Cara Franca, non posso che trovarmi in perfetto accordo con le tue parole. Aggiungo inoltre che, alcuni punti di vista, proprio perché tali, creano stimoli nuovi alla mente. Dire la verità può anche far male, soprattutto se, dall’altra parte, c’è il cosiddetto “branco” che corre in soccorso, facendo comunella e additando, come elemento negativo, lo sfortunato di turno. Le menti aperte sono quelle che riescono a vedere le cose da più punti di osservazione, senza arroccarsi sulle proprie posizioni, ma, aprendosi, al contrario al dialogo ed al confronto. Ma, tutto ciò, avviene solo “a parole”. Un solare saluto, ringraziandoti per avermi offerto l’opportunità di esprimere un modesto parere. Romanticamente, t’abbraccio.