Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia Arte e Scienza: quale rapporto? (invia il tuo contributo entro il 15 gennaio 2020) Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo di Franca Colozzo
Giornata delle Donne - Women’s Day

Sei nella sezione Commenti
 

 Franca Colozzo - 10/03/2019 18:04:00 [ leggi altri commenti di Franca Colozzo » ]

Cara Edi, ti ringrazio del passaggio e del commento che constata il perdurare di una situazione apparentemente ristagnante.
Sono passati millenni e, nonostante le battaglie del ’68, l’avanzare delle donne in ogni campo dello scibile umano, la loro presenza sempre più significativa nel mondo del lavoro, pare che gli uomini siano rimasti ancorati a modelli obsoleti. Anzi sembrano regredire sempre di più verso una forma di infantilismo, di adulti mai cresciuti. Credo che ciò sia sostanzialmente colpa delle madri che allevano maschi e femmine seguendo stereotipi diversi in base a dei modelli sociali, differenti a seconda dei costumi di ogni popolo.
Non esisterebbero, altrimenti, le spose bambine (una forma mascherata di pedofilia e di tratta di schiave a pagamento) né tantomeno la violenza brutale sulle donne, più deboli fisicamente ma più forti psicologicamente.
Il discorso purtroppo è lungo e spinoso e tira in ballo quasi tutte le religioni che hanno assegnato sempre ruoli subalterni alle donne, privilegiando gli uomini. D’altra parte le religioni le hanno creato questi ultimi, trincerandosi dietro il verbo divino.
Dio opererebbe in maniera più equanime, ammesso che sia interessato alle sorti umane dal momento che lo rappresentiamo a nostra immagine e somiglianza con le stesse pulsioni, emozioni, motivazioni umane.
Un saluto affettuoso. Buona serata

 Edi Davoli - 10/03/2019 12:52:00 [ leggi altri commenti di Edi Davoli » ]

Sono d’accordo Franca. Una festa per cosa? Per dire che siamo persone, che abbiamo il diritto di scegliere, il diritto di essere rispettate, il diritto di non essere delle proprietà, il diritto di crescere nella sicurezza di una famiglia sana. No, non dovrebbe essere misurato tutto questo su dei diritti ma sulla grandezza dell’amore. Un abbraccio!

 Franca Colozzo - 10/03/2019 00:05:00 [ leggi altri commenti di Franca Colozzo » ]

Cara Giulia, condivido pienamente il tuo pensiero. Da quella famosa costola, inventata da qualche maschilista, è nata la nostra tragedia. Io propenderei più per la soluzione opposta: l’uomo nato dalla donna. Chi è madre? Ma, a prescindere, il dilemma se è nato prima l’uovo o la gallina lo lascerei cadere nel vuoto.
La verità è che le religioni sono state inventate dagli uomini per sete di potere e necessità di sottomettere la donna, altrimenti il controllo delle nascite sarebbe stata una tragedia a quei tempi.
Oggi, dove tuttosi usa e getta, si è approdati sulla riva opposta: donne da consumare in fretta. La realtà attuale è ancora più deprecabile della fatidica costola. Speriamo di trovare un equilibrio: un mondo dove uomini e donne si tengano per mano.
Omnia vincit Amor...

 Giulia Bellucci - 09/03/2019 22:34:00 [ leggi altri commenti di Giulia Bellucci » ]

Franca, della festa delle donne ne farei a meno anche io, perché sembra un controsenso. Non dovremmo proprio averne bisogno di questo giorno per ricordare agli uomini e a noi stesse che non siamo state create dalla loro costola, ragion per cui si arrogano il diritto di ritenerci una loro proprietà. Ovviamente non bisogna cadere nell’errore di generalizzare. Inoltre credo che a volte siano le donne stesse ostacolo per la conquista della piena parità e del rispetto.
Un saluto!

 Franca Colozzo - 09/03/2019 18:59:00 [ leggi altri commenti di Franca Colozzo » ]

Grazie a voi tutti Alice, Giovanni, Graced, Salvatore per il vostro contributo di idee. Vi ho accomunati in un unico commento perché in fondo siete sulla stessa lunghezza d’onda.
D’altra parte, tutti voi siete d’accordo, per sensibilità personale e consapevolezza in merito al drammatico problema della violenza sulle donne e sul ruolo subalterno affidato loro nell’ambito di una società prevalentemente maschilista.
Purtroppo gli uomini, in generale, non vogliono saperne di essere abbandonati. Crescendo molto spesso come mammoni per colpa delle loro madri, spesso riflettono sulla compagna l’immagine materna. L’abbandono, vissuto così in maniera patologica, si trasforma in violenza sulla donna nel momento in cui lei decide di rifarsi una vita. Perciò occorre educare in maniera prioritaria ed in tenera età soprattutto le donne, tendenzialmente madri!
Anche le religioni, nessuna esclusa, hanno sempre relegato la donna in immagini stereotipate: regina del focolare, madre esemplare, etc. Agli uomini faceva molto comodo l’immagine rassicurante di una compagna relegata tra quattro mura domestiche. Dopo il ’68 con le proteste femminili e le trasformazioni dei modelli sociali che il web ha trascinato con sé, dando alla donna capacità di evasioni anche tra le mura di casa, si è assistito ad un cambiamento epocale con una scia di sangue e di violenza senza pari. Mi auguro, pertanto, che gli uomini prendano consapevolezza di ciò e si affranchino dai modelli ormai superati del passato, guardando alle donne come compagne di viaggio in questa astronave della vita. Buona serata e buona domenica a tutti voi.

 Graced - 08/03/2019 19:36:00 [ leggi altri commenti di Graced » ]

La festa della donna dovrebbe essere ogni giorno dell’anno, si spera che gli uomini si rendano conto che, la donna è paritaria all’uomo e che deve stare al suo fianco e non essere dominata da lui. Questa festa ricorda in certo qual modo, che la donna è stata sempre vittima dell’alto sesso o di eventi che l’hanno relegata sempre in un ruolo subalterno rispetto agli uomini. La nostra speranza è quella che non ci siano più discriminazioni e femminicidi su questa vittima sacrificale
all’altare della cattiveria e supremazia di coloro che credono di essere uomini. Un caro saluto cara Franca,ho molto apprezzato i tuoi dolenti versi. Un affettuoso saluto.

 Giovanni Rossato - 08/03/2019 18:05:00 [ leggi altri commenti di Giovanni Rossato » ]

Sono d’accordo che l’unica soluzione sia un reset, ma devo con tristezza dire che ci credo ben poco, se la pace non è nei nostri cuori come potrebbe essere nel mondo?
Grazie Franca, comunque quello che hai scritto era necessario.

 Salvatore Pizzo - 08/03/2019 18:05:00 [ leggi altri commenti di Salvatore Pizzo » ]

Auguri a che tale festa possa esserlo ogni giorno dell’altro...
Un salutabbraccio

 Alice P - 08/03/2019 17:14:00 [ leggi altri commenti di Alice P » ]

La festa delle donne è un evento importante, perché purtroppo sembra che all’uomo vada ogni tanto ricordata l’importanza, nonché la dignità dell’essere femminile. Se la dimenticasse troppo a lungo, non saremmo troppo lontani dal medioevo.

Tutto sommato, questa festa, nel tempo, a causa delle stesse donne si è trasformata in qualcosa di "degradante" e "osceno", che ha fatto cadere nel dimenticatoio il vero motivo di questa commemorazione. Molte donne approfittano di questo giorno per liberare tutti gli istinti repressi, in discoteche o in pub da quattro soldi, esponendo e vendendo tutta la femminilità di cui dovrebbero essere fiere. Logico poi che in questo modo, per le donne serie è ben più difficile farsi valere nel mondo degli uomini.

Questa festa non dovrà mai scomparire, e continuo a sperare che il vero motivo della sua esistenza, un giorno sarà di nuovo chiaro per tutti.

Una poesia bellissima e significativa, perfetta per questo giorno.

Ciao Franca, un abbraccio.