Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia Arte e Scienza: quale rapporto? (invia il tuo contributo entro il 15 gennaio 2020) Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo proposto da Emanuele Di Marco
Cose che odio

Sei nella sezione Commenti
 

 Guglielmo Peralta - 03/04/2011 16:51:00 [ leggi altri commenti di Guglielmo Peralta » ]

La banalità, cara Lorena, non è mai delle cose, ma degli uomini, anche dei poeti "non puri"

 Lorena Turri - 03/04/2011 15:11:00 [ leggi altri commenti di Lorena Turri » ]

@Guglielmo, non tutti i poeti, benché poeti, sono anime pure!

 Guglielmo Peralta - 03/04/2011 14:51:00 [ leggi altri commenti di Guglielmo Peralta » ]

Canzoni napoletane, presepi, film documentari, giardini d’inverno, costellazione d’Orione, organo e cornamusa...non sono certo cose usate e abusate in poesia. E anche se lo fossero, proprio in quanto usate dai poeti, non sarebbero mai banali. Non si fa un’analisi della società elencando ciò che si odia! Buzzati resta un grande, al di là di questa "ironica" confessione.

 Emanuele Di Marco - 03/04/2011 11:03:00 [ leggi altri commenti di Emanuele Di Marco » ]

grazie Lorena: hai espresso esattamente quella che è anche la mia lettura delle parole del mai troppo rimpianto Buzzati. non posso far altro che sottoscrivere il tuo commento, sottolineando che la cifra di questo autore è proprio nell’analisi acutissima della società (a volte, tramite il paradossale o il grottesco).

e poi, no, davvero, non volto le spalle a nessuno, nè mi nascondo per una presunta bruttezza: guardo, invero, mi affaccio alla finestra, scruto lontano in cerca di qualcosa... forse con una certa timidezza, per un naturale riserbo, non altro...

 Lorena Turri - 03/04/2011 10:23:00 [ leggi altri commenti di Lorena Turri » ]

@Guglielmo
non sarà che a volte si arriva a detestare (mi sembra un termine più appropriato per le "cose")certe cose perchè talmente abusate dai poeti nel tempo(e dagli scrittori più in generale) sino a renderle banalità? Ma non solo dai poeti. Leggo in questa lista di Buzzati un’analisi della società, degli stereotipi ad essa collegati e una grande ironia.

 Guglielmo Peralta - 03/04/2011 09:59:00 [ leggi altri commenti di Guglielmo Peralta » ]

Come si fa ad odiare cose che hanno dentro o che ispirano poesia come, ad esempio, le canzoni napoletane (quelle classiche), i presepi (napoletani o non), certi film documentari, dove è protagonista spesso la natura, la costellazione d’orione, i giardini d’inverno, l’organo e la cornamusa?

 pietromenditto - 03/04/2011 09:38:00 [ leggi altri commenti di pietromenditto » ]

Come si fa a odiare il pelo delle donne? Forse voleva intendere i peli nei posti non graditi, come sulle gambe, p. es., ma il pelo, inteso come quello che sta dove l’evoluzione lo ha lasciato, quello nessuno ce lo deve, non me lo deve togliere nessuno. Viva il pelo, per tutti i secoli dei secoli.

P.S. Caro amico Di Marco, perché ci da le spalle? Tutti i volti sono belli (pensi ad Auden e a Bukowski, p. es.). Noi siano belli solo quando ci mostriamo per come siamo. La prego, non ci volga più la schiena.