Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia Arte e Scienza: quale rapporto? (invia il tuo contributo entro il 15 gennaio 2020) Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo di cristina bizzarri
Per forza di levare

Sei nella sezione Commenti
 

 cristina bizzarri - 22/07/2019 09:29:00 [ leggi altri commenti di cristina bizzarri » ]

Gil, grazie di quello che scrivi, come non essere contenta e fiera di quello che pensi delle mie parole? Hai messo ordine in questo breve testo, ne hai dato una lettura approfondita scandendone il senso di ogni parola, anche dove in me non era così nitido. Posso dirti che la mia piccola ricerca continua ... Tu hai tra le tue, forse più alta, la virtù della temperanza che è anche fedeltà a te stesso e agli altri. In me è traballante ...

 Gil - 22/07/2019 06:54:00 [ leggi altri commenti di Gil » ]

Poetessa colta e di verso fine, raffinata nel gusto intelligente della costruzione testuale dei versi a comporre orditi di senso e di forma, pur mirando all’essenziale e non di più, qui appari, con nobiltà di riconoscimento, poetessa di un lettore elitario ovvero al di fuori della mia già scarsa capacità di lettura; tuttavia, affascinato e Tuo sempre debitore di Bellezza, m’azzardo in note a margine...
Con l’incipit porti in evidenza l’Indicibile, il Non-Visibile, ricordando che ogni apparizione di figura o di parola è sottrazione o all’informe o al silenzio; è quindi segno che non deve dire, il dicibile o mostrare il visibile, ma dire il taciuto o mostrare il celato. Allora l’artista infine nella sua opera, qualunque sia la sua arte, e oltre l’opera finita rimane "Più mite nel dire -/svuotata dell’acqua la conca", qui il possibile dire o mostrare, "è voce abbasata,/a cerchi più vasti inchinata".
In un percorso biografico-poetico, potremmo dire che qui vi è in filigrana d’opera in versi, il tem a te caro della ricerca spirituale, l’ascolto e l’attenzione che poni al mistero di cui noi siamo espressione e segno, che intuiamo abitare dentro di noi, in virtù della ciscienza che ne abbiamo o pensiamo di avere, della nostra capacità di pensarlo.

Sempre grazie, Prof.

 cristina bizzarri - 21/07/2019 19:19:00 [ leggi altri commenti di cristina bizzarri » ]

L’ho riveduta interamente, cercando di collegare più armoniosamente le frasi al senso. Mah ...