Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Arte e scienza: quale rapporto? [L’arte e la scienza in 72 autori | e-book n. 239]
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo di Lorena Turri
Dell’errore (una mia riflessione)

Sei nella sezione Commenti
 

 Lorena Turri - 10/05/2012 15:58:00 [ leggi altri commenti di Lorena Turri » ]

No, romanza

 Lorena Turri - 10/05/2012 15:53:00 [ leggi altri commenti di Lorena Turri » ]

Filologia... all’università, prima di smettere di studiare senza laurearmi!

 Giancarlo Vietri - 18/07/2010 22:47:00 [ leggi altri commenti di Giancarlo Vietri » ]

Ha davvero valore la distinzione tra senso e significato di cui parlava Frege? E, se lo ha, non è solo in quanto il significato è un insignificante intermezzo, un luogo di passaggio di cui abbiamo bisogno per indicare il senso, ciò che veramente ci sta a cuore?

E fino a che punto i significanti rinviano ad un significato distinto, come sosteneva Saussure, e non hanno invece vita autonoma? Diversamente detto, è davvero scindibile la forma dalla sostanza? Forse sì, ma solo nella misura in cui la nostra anima, nella sua espressione informe, è insoddisfatta delle forme che si dà per esprimersi, e resta quindi in qualche modo inespressa. Non quando riesce a calarsi nella forma nella sua interezza.

Ed è vero che la distanza tra le persone nell’uso della forma dia luogo alle parole insignificate, come ben dici tu. È persino vero che questa distanza sia a volte indotta artatamente, perché chi trasmette il messaggio mira proprio ad escludere la comprensione altrui, magari per dare a vedere che stia dicendo cose molto più acute ed originali di quanto in effetti non sia.
Ma come la metti con Proust e con la sua idea che una selva di significanti, quale è un libro, stia lì non per trasmettere i significati dell’autore, ma perché il lettore evochi i suoi?
La tua riflessione, insomma, non vale solo per le comunicazioni di carattere utilitaristico, funzionale e in definitiva oggettivo, trascurando il versante (come avviene ad esempio nell’arte), dove il linguaggio si frantuma tra chi lo porge e chi lo recepisce in un gioco misterioso di specchi?

 giuliano - 14/09/2009 12:31:00 [ leggi altri commenti di giuliano » ]

Una riflessione profonda e assai interessante!!

 Roberto Maggiani - 13/09/2009 20:49:00 [ leggi altri commenti di Roberto Maggiani » ]

Bella e significativa meditazione, grazie.