Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
10 ANNI DI RECHERCHE (presso Foollyk, Roma, 3 dicembre 2017 ore 17)
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - IV edizione (2018)
Leggi il bando di concorso | Raccolta Fondi
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo di Edi Davoli
Il canto del fiume

Sei nella sezione Commenti
 

 Edi Davoli - 15/11/2017 13:47:00 [ leggi altri commenti di Edi Davoli » ]

Grazie Leonora di avermi visitato. Ho scritto questa poesia quando ero molto molto giovane. Quando la rileggo ritrovo la freschezza, lo stupore e l’innocenza di una adolescente. Mi fa tanto bene al cuore. Consigliami pure per me è un privilegio, trovo che questo sito possa essere una ottima palestra.

 Leonora Lusin - 14/11/2017 20:06:00 [ leggi altri commenti di Leonora Lusin » ]

Molto intento in questa tua poesia, ma non sempre la lingua, talvolta la scelta delle parole, sono pari all’intento. Lasciala un po’ decantare e poi magari tornaci sopra. Mi piace sopratutto lo sguardo innocente con cui racconti questa piccola-grande storia. Ciao Edi.

 Edi Davoli - 11/11/2017 22:55:00 [ leggi altri commenti di Edi Davoli » ]

Grazie Arcangelo per l’attenzione e il tempo che hai dedicato alla mia poesia. Il mistero della vita continua ad incantarci.

 Arcangelo Galante - 11/11/2017 20:16:00 [ leggi altri commenti di Arcangelo Galante » ]

Attraverso il fiume che sfocia al mare, la poetessa parla e fonde le speranze sue, con voce scaturita dal rumore dell’acqua fresca. Meditando sulla possibilità di trovarvi sollievo, per ciò che le occorre, l’autrice scopre un’amara verità: il fiume obbedisce allo scopo per il quale è nato e, proprio svolgendo tale compito, non è in grado di aiutarla. Un testo alquanto particolare, nonché metaforico, nel quale, di certo, dietro la grande allegoria del fiume, si cela un significato nascosto, profondo più delle stesse parole che descrivono la dinamica dello scenario poetico. La chiusa apre alla riflessione il lettore, consapevole del mistero insondabile della vita che "scorre", anch’essa, verso la fine, trasportando con sé ogni cosa.