Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia proustiana 2020: Quarantena a Combray [invito a partecipare]
LaRecherche.it sostiene "la via immortale", da un’idea di Lello Agretti
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo di Alberto Becca
Son-etto - son-grammo: poesia in affanno

Sei nella sezione Commenti
 

 Franca Colozzo - 13/11/2018 19:50:00 [ leggi altri commenti di Franca Colozzo » ]

Concordo con Giulia Bellucci che saluto con affetto, vedendola comparire sporadicamente su questo sito. A quel sonetto di Alberto ho voluto attribuire io la patina di "impeccabile", ma a volte amo scherzare. Ma si sa gli uomini - e talvolta non solo loro - si attaccano ad ogni parola, detta a volte per celia.
Ma lasciateci declamare i nostri sonetti, anche se imperfetti! Sbagliando, s’impara (parlo per me, ovviamente!). Era chiaro l’intento di Alberto di scherzarci su. Buona serata cara Giulia.

 Giulia Bellucci - 13/11/2018 14:49:00 [ leggi altri commenti di Giulia Bellucci » ]

Simpatico, divertente e a me sembra palese che l’intento sia questo. La polemica innescatasi a parer mio si basava su nulla poiché Alberto non ha mai affermato che questo fosse un sonetto impeccabile e il titolo già ne spiega l’intento.

Commento non visualizzabile perché l'utenza del commentatore è stata disabilitata o cancellata.

 Franca Colozzo - 23/10/2018 18:24:00 [ leggi altri commenti di Franca Colozzo » ]

@Lorenzo Tosco - Visto che siamo sull’argomento, anche se mi spiace occupare lo spazio altrui, mi sapresti dire cosa ne pensi di questo scritto tempo addietro e pubblicato sul sito? Grazie.
Chiedo venia all’amico Alberto Becca.

https://www.larecherche.it/utente_pubblicazioni_testi.asp#Poesia48468

 Franca Colozzo - 23/10/2018 18:12:00 [ leggi altri commenti di Franca Colozzo » ]

Lorenzo ti ringrazio del complimento. Viva la sincerità! Lo so che ho scritto un pessimo sonetto, ne ero consapevole, dopo aver letto i tuoi e quelli di Antonio Terracciano nella loro forma impeccabile.
Vorrà dire che mi dovrò esercitare in questo genere che mi piace. Questa è la critica cui ambisco, costruttiva!
Ma, mentre la tua critica ad Alberto passerà senza colpo ferire, credo che si sia adombrato con me riguardo al mio commento sul suo sonetto in calce alla tua precedente poesia.
Impressione a pelle, ma avverto gli strali in questo suo "Son-etto".
Spero di sbagliarmi e chiedo una disanima chiarificatrice.
Grazie per la simpatia che contraccambio unitamente alla stima.
Buona serata.

Commento non visualizzabile perché l'utenza del commentatore è stata disabilitata o cancellata.

 Edi Davoli - 22/10/2018 19:57:00 [ leggi altri commenti di Edi Davoli » ]

È con gioia e gran portento
che il Becca ha fatto centro.
La sua penna assai arguta
è per me la benvenuta.

Si domanda il caro amico
se il suo scrivere sia vano
gli rispondo senza "il fico"
di volar come un gabbiano.

 Klara Rubino - 22/10/2018 15:12:00 [ leggi altri commenti di Klara Rubino » ]

Tu mi fai morir
...dal ridér...
e con quale elegantia e grazia!

 Alberto Becca - 22/10/2018 15:01:00 [ leggi altri commenti di Alberto Becca » ]

Attenzione ! Allarme ! Allerta ! / I vostri commenti mi lasciano a bocca aperta ! / Sono impietrito, stralunato, sconvolto / Poco ho seminato e molto ho raccolto...

 Loredana Savelli - 21/10/2018 20:42:00 [ leggi altri commenti di Loredana Savelli » ]

Simpatica, come sempre si fare, anche come spunto per riflessioni.

 Klara Rubino - 21/10/2018 20:00:00 [ leggi altri commenti di Klara Rubino » ]

Ciao Alberto l’enigmista!


Tanto tuono’ che piovve.. tanto la gatta

al lardo va che ci lascia lo zampino..

Come le idee migliori sarà mattino

che le consegna come la pappa fatta


cosi’ l’ ispirazione piu’ originale

verrà dal vento, sarà la  buriana

che alternandosi alla tramontana

ti porterà un testo eccezionale


Ma resta insoluto il dubbio antico

ch’ ogni poeta dentro s’arrovella

L’ angoscioso dubbio.. foglia di fico


che aleggia su ciascheduna novella

Saran parole vane, quelle che dico

o faranno ammutolire la favella

 Franca Colozzo - 21/10/2018 19:58:00 [ leggi altri commenti di Franca Colozzo » ]

Il tuo sonetto Alberto è impeccabile, almeno a parer mio. Ti sei arrovellato o sei alla rima avvezzo?
Noto che i sonetti dopo Lorenzo Tosco, se non ricordo male, ed Antonio Terracciano stanno pian piano prendendo piede in questo sito.
La favella difficilmente si ammutolisce perché parlare serve anche a ragionare sull’uso proprio o improprio del sonetto oppure ad argomentare nei vari commenti.
Un caro saluto. Buona serata e buon inizio settimana.