Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia Arte e Scienza: quale rapporto? (invia il tuo contributo entro il 15 gennaio 2020) Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo di Franca Alaimo
Mio figlio alla finestra

Sei nella sezione Commenti
 

 Ninnj Di Stefano Busà - 13/03/2012 16:32:00 [ leggi altri commenti di Ninnj Di Stefano Busà » ]

Gentilissima Franca, questa poesia è quanto di più bello possa esprimere una madre nei riguardi del figlio, è autentica, struggente, soave come un sorso d’acqua nel deserto, una gioia per l’anima poter dire del proprio figlio quelle bellissime parole, vi sono suggestioni che commuovono, dolcezze che lusingano gli occhi...brava, complimenti vivissimi.

 Fabio Schiavio - 11/10/2011 13:04:00 [ leggi altri commenti di Fabio Schiavio » ]

Leggendo la tua poesia, hai reso la mia giornata ancor più DOLCISSIMA. Un saluto

 sara dimatera - 02/09/2011 12:56:00 [ leggi altri commenti di sara dimatera » ]

Quando qualcuno manifesta l’ardente desiderio di voler esprimere i propri sentimenti alla persona amata,qualunque essa sia, perde ogni maschera,si priva di ogni ruolo.
La tua mano di scrittrice lascia il posto a quello di madre. Versi delicati,veri,puri come solo sa essere il cuore di una mamma che ama i propri figli senza timori,senza remore.
"...Quanto ti amo,viso bello di sole...Figlio della mia gioia,estate abbacinata del mio cuore"... mi piace pensare che tutti noi figli siamo "figli della vostra gioia" per voi genitori,noi, figli che a volte deludiamo le vostre aspettative ma sicuri di poter sempre trovare un’ancora di salvezza nel calore del vostro affetto.
Grazie per questi versi così toccanti.
Sara

 Nando - 02/09/2011 09:12:00 [ leggi altri commenti di Nando » ]

Da "piccolo", la prima bellezza l’ho trovata negli aspetti formali del testo, quegli che sono riuscito a cogliere, e sono gli aspetti più "tecnici", segno di un lavoro artistico e magistrale di ricerca sul linguaggio, che garantisce solidità alla seconda bellezza, quella dei contenuti. E qui mi piace sottolineare la "mia" chiave di lettura della poesia, tutta raccolta nel "Figlio della mia gioia": una mirabile sintesi della dichiarazione d’amore verso la persona con cui si è celebrato l’atto unitivo che ha generato la nuova vita. E quale eredità più grande e più bella per un figlio sapere che i propri genitori si sono amati a tal punto in un esplosione di felicità per cui si rimane per sempre figli della gioia?

Un caro saluto a Franca, per me sempre maestra di quella poesia vissuta nella relazione tra arte e vita.

 Loredana Savelli - 02/09/2011 08:09:00 [ leggi altri commenti di Loredana Savelli » ]

L’incipit è "La luce estiva", il finale l’"estate abbacinata del mio cuore": tutto è luminosità in questa poesia (d’oro, chiaro, raggi, scintillante, bagliori, sole, biondo, rame, accese). E c’è anche l’immancabile liquidità (sudore, immagine umida), segno di una maternità che non si asciuga mai.

Ciao!

 Maria Musik - 01/09/2011 23:30:00 [ leggi altri commenti di Maria Musik » ]

Bella, bella, bella! "Quanto ti amo, viso bello di sole,/Figlio della mia gioia, estate abbacinata del mio cuore". Che meraviglia! E che meraviglia riuscire a guardarli e "sentirli" così, per sempre, questi nostri figli!
Ed io penso a te mentre guardo la mia Giulia!
Un abbraccio.

 Domenico Morana - 01/09/2011 22:56:00 [ leggi altri commenti di Domenico Morana » ]

Render grazie vorrei perché m’hai dato
un sogno di romantico scrivano:
"Viene l’ora d’amore. Ed è la storia,
Julien, della tua mano all’orizzonte." (Sandro Penna)

Franca, sei grande!