Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
ANTOLOGIA PROUSTIANA 2019: UNA NOTTE MAGICA | partecipa
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie"
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo di Franca Figliolini
Ovvero la cecità

Sei nella sezione Commenti
 

 Franca Figliolini - 20/10/2016 19:26:00 [ leggi altri commenti di Franca Figliolini » ]

Ferdi, Amina, Nando, grazie sempre per la vostra presenza, che m’è preziosa assai. un bacio ciascuno, Franca

 Nando - 19/10/2016 06:28:00 [ leggi altri commenti di Nando » ]


Ciò che mi piace, è l’asciuttezza del dire, il non concedere nulla ad una retorica del lirismo, ma penetrare con ruvidità nella piaga, personale o sociale, cui si vuol dar voce per emozione personale o per il sentimento dell’impegno di un poeta; suggerire e non dettagliare, poi, tutela il testo dal rischio d’incagli rigidamente cronachistici, restituendo o consegnando al verso la sua funzione originaria: la divinazione, intesa come chiaroveggenza del reale piuttosto che come predizione del futuro, malgrado non vi siano estranei elementi di ciò nella scrittura poetica in generale, non tanto come pratica della divinazione ma per l’appunto anticipazione delle possibili configurazioni spirituali e storiche in prossimità temporale.









 Amina Narimi - 17/10/2016 22:53:00 [ leggi altri commenti di Amina Narimi » ]

Quanto bellezza c’è qui, Franca...ti leggo sempre, silenziosamente,
quanta bellezza che c’è, qui

 Robert Wasp Pirsig - 17/10/2016 22:29:00 [ leggi altri commenti di Robert Wasp Pirsig » ]

La tua bella voce. Il tuo bello assoluto. Finalmente, e ancora.